Chi non corre è perduto : Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a farsi

0

THE BLUES BROTHERS – IL PODCAST

È impossibile che alla gente non piacciano più i film così, è come dire che non piace più la pizza! Una volta era diverso. Una volta c’erano film come The Blues Brothers, che piazzavano scene d’inseguimento con decine e decine di automobili lanciate a 180 all’ora per le strade di Chicago, decine e decine di automobili che sfrecciavano e cappottavano all’interno di un centro commerciale. Era tutto troppo bello. Giocava a favore il fatto che chi stavano inseguendo era in missione per conto di Dio, oppure, strafatto di cocaina. Nuovo esperimento per il cugino terribile: un podcast cinematografico con inserti...

0

Dragon’s Lair e i suoi uomini: 50 modi diversi per morire in un castello

Per me che sono cresciuto negli anni Ottanta, quando l’erba era verde, la vita più semplice, il pianeta più freddo e le passere pelose, questi anni Duemila sono stati un vero shock culturale. Non solo di erba ce n’è di meno e la vita è diventata complicatissima, ma uno non si può più permettere di gettare nei cassonetti tutto quello che vuole, tipo gli scooter o i divani, e le passere non hanno più un pelo neanche a pregare in arabo. Inoltre ci sono i terrapiattisti, i vegani, i leghisti, e anche se ti compri un bel condizionatore poi ti...

2

Quella volta che rimisi in carreggiata INTRAPPOLATI NEL RETROGAMING

Allora? Com’è? Vi volevo raccontare di quella volta che un piccolo ma risoluto commando di sicari approdò con 2 gommoni sulle spiagge di Formentera e, favorito dalle tenebre e dalla tarda ora, fece saltare la centrale elettrica dell’isola mettendo fuori gioco i sofisticatissimi sistemi di allarme a protezione degli studi di Una Trasmissione Di Nerda su Atom Radio. Così facendo, il commando composto da aitanti e palestratissimi professionisti della morte si sbarazzò velocemente delle guardie ai cancelli, e si diresse senza sforzo verso il bunker dove I Cugini Del Terribile stavano dormendo il sonno dei giusti. A Formentera non si...

3

Una Trasmissione Di Synthwave su Atom Radio

Ah, la SynthWave! Voi non avete idea di quanto fossi emozionato al sol pensiero. Vi rendete conto? La Synthwave in una puntata dedicata di Una Trasmissione Di Nerda su Atom Radio. Ci ha pensato il nostro Bionic Cummenda: una garanzia umana che nonostante i suoi 120 anni portati benissimo non ha mai sbagliato un parcheggio in tutta la sua carriera e anzi, alcuni gli sono venuti fuori come autentici capolavori. Un maestro. IL Maestro. Dopo il suo pellegrinaggio a Tokyo in cerca di Shigeru Miyamoto aveva detto che s’era rotto il cazzo del retrogaming e voleva andare in pensione. Voleva...

2

Il bisogno di un’azione assolutamente futile e stupida: Animal House

In Italia, all’inizio degli anni ’80, ovunque ci fosse una festa in maschera, Animal House insegnò a tutti a trasformarla in un toga-party, svuotare il bar, ballare buona musica, sfasciare chitarre contro i muri. Tutto questo grazie anche ad Harold Ramis: attore / sceneggiatore / regista comico che non riceverà mai abbastanza lodi e omaggi quanto avrebbe meritato. Oddio. Non che Ramis fosse esattamente un calibro poco apprezzabile, ma quando i tuoi colleghi sono John Belushi, Bill Murray, Dan Akroyd e Chevy Chase, capirete che uno tende ad essere escluso. Tuttavia, vi garantisco che il curriculum comico di Ramis è...

0

Tutta la Atari che vi meritate – Il podcast su ATARI GAMES

E dire che sembrava ce li fossimo lasciati alle spalle, gli anni in cui due podcaster italiani potevano permettersi certe libertà. Gli anni in cui qualcuno si metteva in testa di raccontarvi la storia di Atari e se ne usciva fuori con 4 podcast estremamente esaustivi ognuno su una presidenza diversa. Il tutto portato ai vostri padiglioni auricolari con maturato rispetto nei confronti di un’icona dei videogiochi e, chessò io, di considerazione per un pubblico ormai sempre più informato e saputello. Semplicemente, da quando I Cugini Del Terribile si sono accorti che forse esisterà un mercato per la nuova console...

2

La grande storia di ATARI GAMES

Essere una Atariano è come essere il marito di Cicciolina: c’è stato un tempo in cui te la invidiavano tutti, ma adesso non la riconosci più e devi periodicamente ricostruirle le pareti interne. Il problema di Atari è che ha fatto di tutto nel corso della sua vita; ha cambiato mille forme. La gestione pionieristica di Bushnell, quella rampante di Kassar, quella a risparmio di Tramiel, Namco, i tizi degli Hard Disk, Hasbro, WMS, e infine Infogrames. Le hanno messo le mani addosso tutti. T-U-T-T-I! L’azienda si è espansa, poi è esplosa, poi è collassata e fallita, poi è risorta...

0

A Formentera spira forte il vento del retrogaming

Formentera. Nella ridente isola delle Baleari sita nel bel mezzo del Mediterraneo è difficile trovare una spiaggia dove non soffi il vento del retrogaming. È una bella giornata a Formentera. Siamo alla fine di marzo. Tira un’arietta fine, sono tutti contenti e riposati, e non vedono l’ora di assistere all’evento dell’anno: dallo studio de I Cugini del Terribile nel palazzo di Una trasmissione di nerda su Atom Radio verrà trasmessa LA GRANDE STORIA DI ATARI GAMES. Gianluca Santilio è atterrato con il suo Jet privato pochi minuti fa e tutti siamo già galvanizzati per la serata. Come da tradizione, a...

9

Soldi per la cocaina: The Blues Brothers. La lunga e tortuosa strada per arrivare al film

Quanto costa un’incidente stradale? Oggi per vederne di belli occorre guardare film dagli altissimi budget come Fast And Furious, James Bond, e, occasionalmente, i film di supereroi tipo Capitan America Il Soldato D’Inverno, altrimenti di sani incidenti fatti come si deve non se ne vedono più. Capite cosa intendo? Quelli con gli inseguimenti a rotta di collo e le macchine che zampillano a destra e a sinistra finendo per accumularsi, una sopra l’altra, come fossero un mostruoso sandwich metallico. Ecco. Di incidenti come quelli lì, adesso: ZERO. Cioè, Zio, qui si preferisce spianare città, distruggere pianeti, spazzare via le montagne...

6

Esco a comprare le sigarette

Caro, carissimo corridore, anche quest’anno accadono cose grosse nella mia vita e a questo punto occorre discuterne insieme. Cos’è cambiato? Chi o cosa devi particolarmente temere? Quanto forte bisogna bestemmiare per far sì che la nuova console Atari VCS sembri un prodotto serio? Quante emittenti radiofoniche stanno attualmente ignorando Prince per suonare il pezzo di Mahmood? Qual è la marca di merendine preferite dagli attori dei principali film fantasy degli anni ’80? Tutti quesiti a cui questo blog può dare benissimo una risposta semplicemente navigando tra le sue pagine. Ti piacciono i vecchi fumetti? Bene. Se clicchi sul menù di...

0

Inseguire il carro dei vincitori, o morire provandoci : I Dominatori Dell’Universo

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana, credevo che tutte le cose fighe che trovavo al cinema, in tv, sui fumetti, generassero giocattoli dedicati solo dopo essere diventate popolari. «Guarda quel cartone di successo!» immaginavo si dicessero gli scienziati dei giocattoli. «Scommetto che se vendessimo giocattoli raffiguranti i suoi personaggi potremmo guadagnare un sacco di soldi!» Ovviamente non era così, e infatti spesso accadeva esattamente il contrario: i giocattoli precedevano i cartoni animati, i film, e i fumetti. He-Man E I Dominatori Dell’Universo, Gi Joe, i Transformers erano solo alcuni di essi. Per me fu una rivelazione. Era come se...

0

Frederic Chesnais presenta: i buoni propositi di Atari nel 2019

L’Atari di adesso è un affare dannatamente curioso. Una volta, nei primi giorni delle sale giochi e delle console, regnava incontrastata. Ora, l’iconica pesantezza del suo marchio viene spesa per concedere in licenza le sue proprietà intellettuali e rilasciare videogiochi come Rollercoaster Tycoon. Chiariamoci. I guadagni di Atari nell’anno celeste 2018 non sono certo titanici, e neanche si avvicinano lontanamente a quelli delle tre madri: Sony, Microsoft, Nintendo; i suoi introiti si addicono di più a una piccola azienda che ha trovato la sua comoda nicchia di mercato nella quale galleggia tranquillamente cercando di percorrere sempre rotte sicure. Nel suo...

0

Una Trasmissione di Nerda – Ep. 15-18

Stanco delle solite trasmissioni radio? Una Trasmissione Di Nerda è quello che fa per te. Ogni lunedì alle 21.30 solo collegandosi a www.atomradio.it, I Cugini del Terribile e I Bit-elloni filtrano il mondo del retrogaming e delle nerdaggini con il colino della spensieratezza, e ne condividono l’analisi impietosa con il pubblico più irriconoscente dell’internet italiano. UNA TRASMISSIONE DI NERDA: la più imitata, la più seguita. Speriamo non la becchino mai. Simone Guidi

0

Dieci anni fa: Coraline E La Porta Magica

Ci sono tre ragioni per cui Coraline E La Porta Magica ha raggiunto il vertice della mia lista di interesse. La prima è Neil Gaiman, un uomo che avrebbe bisogno di un articolo a parte sul blogghino per raccontarvi la tante belle cose che ha scritto tra cui, appunto, anche il premiato romanzo horror/fantasy per ragazzi su cui si basa questo film. La seconda è mia figlia Viola che ha scovato degli spezzoni sul tubo, ne è rimasta affascinata, e immediatamente dopo mi è venuta a cercare per  approfondire il discorso. E la terza è Henry Selick. Dice: chi è...

0

Le serie belle : True Detective 1

True Detective è una serie antologica prodotta da HBO. Sì, davvero: quella HBO che ha già prodotto Games Of Thrones e Sex And The City. Dopo la sua non brillante seconda stagione non è esattamente tra le serie che fomentano più hype e commenti sul facebook al giorno d’oggi, ma nella sua prima, inimitabile stagione è stata una delle migliori serie al top del top, un gradino appena sotto a Breaking Bad. Da stasera si possono vedere i primi due episodi della terza stagione su SKY. il sottoscritto e amici di birrette hanno passato la serata scorsa a commentare i...

0

Cosa diavolo mi combini, Ernie? La recensione di Armada

La vita è una fregatura. Passi un intero decennio ad interessarti e godere di cose che non fregano a nessuno, per poi ritrovarti, trent’anni dopo, in un mondo dove quegli stessi interessi sono i preferiti di tutti: i videogiochi sono un business enorme e una parte fondamentale della cultura contemporanea; ovunque ti volti a guardare trovi un personaggio dei fumetti; la musica fortunatamente è rimasta intoccabile perché quella attuale fa abbastanza cagare. Il punto è che tutto quello che c’era di fantascienza e fantasia negli anni 80/90 è stato abbracciato in grande stile dal mainstream, e anche se ci sono...