Atari old school frenesia: Software contest ABBUC 2014

TEMPO DI LETTURA: 4 minuti

arielJoystick

Anzianotti di tutto il mondo gioite. Come al solito, l’ultimo sabato del mese di ottobre (il giorno che precede la notte in cui l’Europa torna all’ora legale) i membri dell’Atari Bit Byter User Club (ABBUC) si ritrovano per la loro riunione annuale. Questi signori si riuniscono in una stanza e, tutti insieme, sprigionano una bolla di vecchiezza molto potente all’interno della quale torna di moda il taglio mullet, si balla sincopati i pezzi dei Duran Duran, si accendono tutti i neon colorati e ci si gasa giudicando il miglior gioco per computer Atari a 8 bit.
Anche quest’anno non è stato diverso dagli altri anni e i premi sono stati assegnati a tanti bei giochini nuovi-nuovi per i quali i decrepiti adoratori del vecchio come me potrebbero commettere atti inconsulti come farsela nel pannolone o peggio, saltare il rosario delle sei (quello di padre Anselmo da Procida).
Volete venire nella bolla di vecchiezza con me? Venite, dai! Approfittiamone adesso che le suore non vedono.

abbuc-logo-2006

L’ABBUC è forse il più grande club europeo dedicato al culto degli 8 bit di casa Atari e, come al solito, è un’associazione tedesca. Perchè come tutti ormai sapranno i tedeschi sono sempre 10 anni avanti, ma in questo caso sono anche 10 anni indietro, anzi 30. In pratica i tedeschi sono in una distorsione temporale che gli permette di fare i precisini e dare lezioni a tutti in ogni dove e in ogni quando.

Detto questo, specifichiamo che io ho un buon rapporto epistolare con uno stimato membro di questo Club, il buon Filippo Santellocco, il quale gestisce il principale sito in lingua italiana riguardante l’atarimania a 8bit, ed è una persona estremamente ammodo, educata e, come dicevano ai tempi del telegrafo, SQUISITA. Se non siete ancora andati a visitare il suo sito, per darvi un idea della caratura morale di Filippo, sappiate che lo associo sempre all’immagine di un gentleman inglese che sorseggia tè mentre attende di giocarsi la sua brava partitella a polo.

Voi non lo vedete, ma ai suoi piedi c'è anche un levriero

Voi non lo vedete ma ai suoi piedi c’è anche un levriero

Ogni anno l’ABBUC indice un concorso per decretare il miglior nuovo software e anche il miglior nuovo hardware che possa essere fatto funzionare sui computer Atari 8-bit 400 / 800 / XL / XE, e una giuria si riserva il diritto di decidere quale sia il migliore. Le iscrizioni sono permesse entro e non oltre il 15 settembre.

Atari_800XL_Plain_White

Il buon Filippo, in quanto membro di questa giuria, riceve con discreto anticipo le copie del software in gara allo scopo di valutare quale programma abbia la migliore grafica, il migliore suono e la musica più coinvolgente. Va da sé che la maggior parte di questi programmi siano GIOCHI, perchè è inutile prenderci in giro corridori, ora come allora a noi anziane custodie di un bambino interiore interessa essenzialmente smanettare col joystick, e non cominciate a fare i soliti doppi sensi sporcaccioni che ormai avete un’età.
Insomma, è un po’ come il KAZ KOMPO, ma di livello più elevato per ovvi motivi derivanti dalla seguente domanda che TUTTI si stanno già facendo:

Ma uno che ci guadagna?

Euro, cari amici, diversi euro da intascare per gratificare lo sforzo.
Per questo motivo il vincitore ne riceve 500. Il secondo posto ne ottiene 200, il terzo 100, mentre dal quarto al settimo posto ricevono tutti 50 euro.

run_for_the_money_scarborough_2

Bello nevvero? Ci deve essere il trucco! Anche NO.
L’obiettivo principale del concorso di programmazione è quello di ottenere dei software eccezionali ADESSO ma scritti per gli amati computer Atari 8-bit di ALLORA. Ne risulta sempre una concorrenza molto serrata che induce i partecipanti a codificare il miglior software possibile e spingere le potenzialità della macchina oltre quei limiti che 30 anni fa sembravano invalicabili.

Ecco i primi 4 giochi vincitori di quest’anno con il relativi link dove poter scaricare i dump. Decidete voi dove giocarli. Sull’emulatore? Sulla macchina reale come il sottoscritto? Fate vobis, ma ricordate che giocare mantiene giovani.

4) Nemezyro

3) Ransack!

2) RGB

1) Dimo’s Quest


Nota per il vincitore: Dimo’s Quest ha fino a 59 colori contemporanei sullo schermo, non male per un computer con architettura del 1979. Nella pagina dello scarico il suo programmatore ha messo a disposizione un editor Windows per potersi creare i livelli da soli. Chapeau.

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *