Banana album: Le bellissime foto dal backstage dei Goonies

the gooniesCosa rimane da dire riguardo a “The Goonies” che mille altri non abbiano già detto? Cosa rimane da ricordare dopo averlo visto uno STROMBOLIONE di volte, aver giocato ai videogiochi a lui ispirati, aver ballato al ritmo della sua colonna sonora?
È stato un film che ha segnato una generazione, un film dove i protagonisti avevano l’età degli spettatori e vivevano un’avventura spericolata piena di trappole esplosive e criminali senza scrupoli alla ricerca del leggendario tesoro del pirata Willy l’orbo. I brufolosi come me non potevano che rimanere incantati davanti a cotale magnificenza.
E chi mai poteva non rimanerci? Era un filmettino, è vero, ma pur sempre un filmettino diretto da mister Richard “Arma Letale” Donner, e scritto da monsieur Chris Colombus, con cui il sottoscritto ha già incrociato la tastiera qualche tempo fa. Oh! Poi metteteci pure che il produttore esecutivo era un certo Steven “Rockerduck” Spielberg, che al tempo sarebbe stato in grado di far funzionare anche Trenitalia, e il capolavoro è servito.

Per correttezza vi dico che arrivo a scrivere questo post dopo averne letto un altro sul blog di Sean Astin, che ha innescato una cascata di links che mi ha portato in giro per il net a raccogliere informazioni. Dice: E chi caspita è Sean Astin? Eeeh…cari miei INFIAMMABILI lettori, Sean Astin era uno dei piccoli protagonisti del film “The Goonies” nonché, 16 anni dopo, il SAM della compagnia dell’anello.

astin

Se è vero che per moltissimi brufolosi dell’epoca quel film fu un’esperienza speciale, è anche vero che nessuno, durante la sua produzione, avesse una vaga idea di che film iconico sarebbe diventato. In primis Spielberg e Donner, che il primo era troppo impegnato a macinare dollaroni e non gliene importava granché, bastava funzionasse, e al secondo invece i bambini rimanevano parecchio sugli zebedei (ma anche i più grandicelli) e pensava solo a fare il suo lavoro il più in fretta possibile per tornarsene a fare i barbecue nella sua villa alle Hawaii.
Sul set invece, i giovani attori si divertivano, o perlomeno cercavano di farlo appena gli era possibile. Del resto erano ragazzini, se non si divertivano loro…(EcheKatz! Mi tocca spiegarvi tutto)

81d55-shoulder_tap_gone_wonrg

Innocenti divertimenti

Sicuramente uno dei più cazzari era Jeff B. Cohen (Chunk):

Non ci crederete ma adesso lui fa l’AVVOCATO

Siccome Donner non faceva mistero della sua insofferenza e della forte volontà di tornarsene in villa, un giorno, verso la fine delle riprese, Choen venne sul set vestito in pantaloncini, infradito e una camicia hawaiana. Aveva con sé una valigia con sopra scritto “Maui o morte”. Era un chiaro tentativo di perculare Richard Donner, il quale a quel tempo era uno scapolone di ferro e non aveva un gran tatto con coloro che superavano di poco il metro e mezzo d’altezza. Più tardi quella mattina, Choen mostrò la sua mise anche a Steven Spielberg, e lì accadde l’irreparabile. Quel diavolo di uno Steven decise di giocare uno scherzaccio a Donner. Visto che il regista ci teneva tanto a sgommare al più presto e fuggirsene alle Hawaii, beh, che ci andasse pure, però avrebbe ritrovato i ragazzi anche laggiù. Organizzò quindi una spedizione segreta composta dai giovani attori e i loro genitori o un tutore, e fece in modo di farli arrivare alle Hawaii, nella villa di Donner. Lo scherzo diventò una leggenda nel settore.

goonies1

Gita in barca

Molti si sono chiesti come fosse stata la faccia di Donner quando vide venir su dalla spiaggia, in un gruppo compatto come durante la fine del film, tutti quei giovani attori che tanto lo avevano stressato e dai quali agognava scappare per la vita.
La prese bene. Oh sì.

tumblr_inline_mv74d3mvyk1r7r6x5

La prese sul ridere e cadde in ginocchio ridendo come un matto.
Ecco qualche foto di quella HAWAIIAN-EXPERIENCE e dal Backstage del film. Enjoy.

Sean Astin mentre prende lezioni di hula hawaiana

Sean Astin mentre prende lezioni di hula hawaiana

Un tiepido sorriso per "Mouth"

Un tiepido sorriso per “Mouth”

Party alla villa di Richard Donner. Notare sulla destra il vicino di casa, Alice Cooper, che stava nella villa accanto

Keith Walker che si sta probabilmente chiedendo perché il suo personaggio ha deciso di tenere manufatti di inestimabile valore nella soffitta

Keith Walker che si sta probabilmente chiedendo perché il suo personaggio ha deciso di tenere manufatti di inestimabile valore nella soffitta

Josh Brolin che era al primo film e non aveva idea che avrebbe avuto una carriera zoppa

Josh Brolin che era al primo film e non aveva idea che avrebbe avuto una carriera zoppa

Una borsa piena di trucchi per Data

Una borsa piena di trucchi per Data

Josh Brolin che fa il lumacone con Kerri Green mentre Sean Astin non si accorge di niente

Martha Plimpton con la madre durante una gita in catamarano a Honolulu

Martha Plimpton con la madre durante una gita in catamarano a Honolulu

Richard Donner al tempo scapolone di ferro

Richard Donner al tempo scapolone di ferro

Bolshoi sul set

Bolshoi sul set

Mamma Fratelli ti guarda male mentre si gode il sole

Mamma Fratelli ti guarda malissimo

A lezione con l’insegnante degli Studios

 

 

email
Questa voce è stata pubblicata in Al cinema e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *