Category: By television

0

STRANGER THINGS: [Podcast] Tu giri adesso con le tette al vento, io ci giravo gia’ 30 anni fa

I Cugini Del Terribile Podcast STRANGER THINGS I Cugini Del Terribile e Paolo Di Grande soppesano la pericolosità del Demogorgone e il fenomeno dell’estate: la serie televisiva STRANGER THINGS. Conducono Simone Guidi ed Emiliano Buttarelli. Ospite in studio Paolo Di Grande, redattore di THE RETROGAMES MACHINE. Opinionista ufficiale del podcast: Gabriele Ferri alias Alberto Sordi.

5

Stranger Things : tu giri adesso con le tette al vento, io ci giravo gia’ trent’anni fa

Un conto è impostare una serie televisiva negli anni ’80; tutt’altra cosa, però, è convincere lo spettatore che sia veramente ambientata nell’era di Reagan e del cubo di Rubik. Stranger Things, la nuova serie Netflix dei fratelli Duffer, è così piena di nostalgia e dei prodotti pop-culturali di quel decennio che dopo averla vista viene voglia di comprarsi le Nike Bruin, ma è anche straordinariamente rigorosa nel curare i dettagli, sia che si tratti di spunti musicali dall’intonazione perfetta, sia che si tratti di inquadrature chiaramente ispirate ai must-see degli eighty, o più semplicemente facendoci riconoscere lo stesso tipo di...

0

I Cugini Del Terribile e1 s2 TEASER – Mario e il Sottosopra

Il Demogorgone è stanco dei vostri sciocchi bisticci. Avanza verso di voi: BUM! E vi porta un podcast nuovo di zecca direttamente da quella cittadina nell’Indiana che abbiamo imparato a conoscere in questi ultimi due mesi. Stranger Things è stata la serie TV rivelazione dell’estate. È piaciuta a te, è piaciuta a me, è piaciuta a tutti. Anche ai Cugini Del Terribile è piaciuta e non potevano astenersi dal dire la loro a riguardo, anche perchè quando trovano qualcosa che gli piace i cugini cominciano a parlare di loro stessi in terza persona, e la cosa potrebbe risultare irriverente verso...

2

Masochismo domestico : STAR WARS – Il Ritorno Degli Ewoks

Niente sorprese rivoluzionarie stavolta, che l’internet è delicata, bensì la conclusione di una mini cavalcata celebrativa che ci porterà alla sublimazione del 16 dicembre, giorno in cui le nostre pulsioni aggressive stimolate da questi film sugli Ewoks si trasformerranno in qualcosa di meno violento, elevandoci a un livello superiore e aprendo i nostri chakra affinchè LA FORZA entri per benino, senza spaccare niente, visto che sta chiamando a squarciagola già da in po’. In caso non ne volesse sapere di entrare, le pulsioni aggressive potrebbero essere incanalate facendo qualcos’altro di socialmente accettabile, tipo il chirurgo o l’amministratore di gruppi facebook....

2

No grazie George, a posto cosi’ : STAR WARS – L’Avventura Degli Ewoks

Nel rivolgermi alla giuria, voglio iniziare la mia arringa dicendo che George Lucas ha sfruttato in molti modi, anche vergognosi, il marchio di Star Wars. In questa sede non siamo a dibattere se abbia fatto bene o abbia fatto male, signori giurati. Siamo qui per entrare NEL MERITO. Per capire le radici del male, e se è di male che dobbiamo parlare. Dunque, spero che la corte sia d’accordo con me quando asserisco che il punto più basso raggiunto dalla saga sia sicuramente quello STAR WARS HOLIDAY SPECIAL di cui tutti i fan amano dimenticarsi, su questo non ci piove,...

7

Buongiorno Maria con gli occhi pieni di malinconia: Lupin III – L’avventura italiana

Caro Monkeypunch, sono un brav’uomo. Come tanti ho una casa, una famiglia, e un lavoro decente per i tempi che corrono. Oggi ho un grosso problema che mi affligge e che vorrei sottoporti, visto i buoni rapporti che ci legano conto su una tua solerte risposta: sono sempre stato abituato ad un certo tipo di Lupin III, quello spietato e arrogante dalla giacca verde, quello stupidotto e divertente dalla giacca rossa, quello banale e cerebroleso dalla giacca rosa. Ultimamente però, caro Monkeypunch, quando vedo le vecchie locandine de “La Pietra Della Saggezza” o de “Il Castello Di Cagliostro” sento un...

1

Menare forte, menare subito negli anni ’80: la rece di Kung Fury

Amici, potrei scrivere un bel po’ qui riguardo a come internet ha cambiato il modo di fare cinema, a come adesso si punti più al montaggio schizoide e all’esplosione gratuita, a come tutto questo abbia avuto un impatto devastante sulle nuove generazioni, forgiando battaglioni di lobotomizzati che considerano Michael Bay un regista degno del suo nome. Sì, lo so amici, son cose che fanno male dentro, ma che possiamo farci? Siamo circondati da bimbiminkia che non hanno mai conosciuto un mondo senza banda larga, che consumano i loro media istantaneamente, su richiesta, che postano gattini su facebook ridendoci sopra ogni...

4

Dylan Dog Vittima degli Eventi: Il miglior Dylan possibile coi soldi che c’erano

Solo il fatto che, in Dylan Dog Vittima Degli Eventi, Roberto Recchioni sembra non entrarci tecnicamente niente è uno dei validi motivi per vederlo. Oddio, Roberto c’ha provato a dire la sua, almeno all’inizio, e come al solito era una polemica, però alla fine si è ricreduto e ha dato luce verde, così ALTRI si sono occupati di svilupparlo e devo dire che il risultato non è niente male. Ovviamente sto parlando dello pseudo episodio pilota della ipotetica serie dedicata all’indagatore dell’incubo che dalle 21 di ieri sera è finalmente disponibile alla visione sul tubo. Io me lo sono guardato...

0

Dylan Dog Vittima Degli Eventi: fosse che fosse la volta buona che ce lo ritroviamo in televisione

Ci siamo corridori, oggi è cominciato il Lucca Comics & Games 2014 e lo spacciatore di fumetti truculenti si è già vaporizzato. Mi ha lasciato qui da solo a tenere il forte mentre la carmesse della nerdologia impazza a una ventina di chilometri dalla mia scrivania. Lo so. Son cose brutte, e a me tocca aspettare domani quando nel pomeriggio cercherò di incontrare un sacco di gente virtuale che avrà finalmente un corpo reale. Nel frattempo vi faccio una domanda: ma di un serie televisiva ispirata all’indagatore dell’incubo cosa ne pensereste? Vi sfagiolerebbe l’idea di un Dylan seriale by television?...

0

The Walking Dead S4: E alla fine arriva Abraham

I cari ESIGUI “corridori” frequentatori di questo blog (se proprio non avessero trovato di meglio da fare) avranno notato che riguardo alla quarta stagione di “The Walking Dead”, l’apposizione di post è ridotta al lumicino. Se per la seconda e terza stagione mi ero in un certo senso sbizzarrito, per quest’ultima in corso la voglia di scrivere mi si è appannata come se avessi buttato giù 3 pasticconi di TAVOR. Dice: Perchè? Perchè la quarta serie, per quello che ha fatto vedere fin’ora, è un dirompente testicolare di quelli potenti. Noiosa come poche, anzi, noiosa quasi più della seconda serie,...

1

Esce fuori dalle fottute pareti: Lo Star Wars Holiday Special

Lo so cosa state pensando, che mi sono preso una fissa per i film brutti. Che ormai non riesco più a uscire dal loop. Beh, forse avete ragione, ma che ci crediate o no su questa parodia infame di Star Wars mi ci sono schiantato per caso, mentre gigioneggiavo su youtube alle 3 di notte. Perchè io sono un vampiro e la notte non dormo mai. Dormo invece di giorno, al lavoro, quando mi passano per le mani le robe elettriche da 125 Ampere. Tanto che vuoi che siano 125 Ampere? Io sono un vampiro e in quanto tale non...

3

Diottrie perse come lacrime nella pioggia: Il fenomeno delle maggiorate negli anni ’80

Come avrete certamente capito dal titolo, qui si apre l’estemporaneo ANGOLO DELLA CULTURA del blogghino, e il tutto accade grazie al fatto che sono grasso. Il punto è che ho ricominciato ad andare in palestra, non tanto per definire il mio già erculeo fisico, quanto perché sto diventando gonfio come un TORTELLO. Voi direte: Esticazzi Simone! Questa era la notizia che aspettavamo per dare una svolta alla giornata. Ma la domanda vera è: Voi ci siete mai andati in palestra? Ad alzare i pesi tra gli energumeni con la vena del collo gonfia all’inverosimile? Se no, chissenefrega. Se sì, avrete...

0

Atari on the show: Come acchiappare i giovani negli anni ’80

Eccoci giunti alla naturale conclusione dello specialino “Atari Wherever”. Dopo la prima parte dedicata al cinema mi sembrava naturale chiudere in bellezza con il diabolico congegno: la televisione. Beh, anche in questo caso il peso della divisione televisiva della Warner si fece sentire ma solo fino a un certo punto. Era ormai innegabile che il fuji-logo fosse diventato parte integrante della vita dell’americano medio (quello che ammazza le zanzare con l’uranio impoverito) e che chiunque voleva attualizzare un prodotto televisivo ci doveva fare i conti per forza. Negli USA, almeno nella prima parte del decennio, non c’era locale pubblico che...

0

Squali come se piovesse: Sharknado e un milione di squalate sul grugno

Ci sono film brutti, ma talmente brutti che alla fine risultano belli. Come dite? Più brutto era difficile? No-no-no. Siamo oltre. Qui occorrerebbe una categoria a parte. È di “Sharknado” che stiamo parlando, il fenomeno cinematografico dello scorso anno prodotto dalla ASYLUM/SYFY. Lanciato in terra yankee in estate è subito diventato un “caso” mediatico schizzando sangue e interiora di squalo ovunque su facebook, e facendo twittare twitter come mai aveva twittato anche quando twittava tanto. Se state pensando cose tipo “ma è stupido”, oppure, “ma è completamente inverosimile”, vi rispondo di sì. Cristo santo, SI! “Sharknado” è una boiata pazzesca....

0

The Twilight Zone: Ai confini della realta’ senza fumare metanfetamina

Alcune trasmissioni televisive non sono soltanto delle produzioni ai fini dell’intrattenimento, sono molto di più. Lasciano una traccia e influenzano i costumi, addirittura riescono a entrare nei libri di storia. Per esempio: è grazie alla serie televisiva “Star Trek” se c’è stato uno shuttle chiamato “Enterprise” (Si, va bè. Lo usarono per i crash test al Kennedy Space Center, ma è lo stesso), oppure è grazie a “X-files” se adesso si innescano più facilmente le paranoie di massa. Di certo, in questa ristretta schiera di telefilm eletti, va annoverata “The Twilight Zone”, tradotto letteralemente in italiano come “La zona del...