Category: Retrogames

0

Bandersnatch e Jerome F. Davies: Le cose da sapere prima di guardare Black Mirror

La sorpresa del mese è su Netflix e si chiama Bandersnatch. Ammetto di essermi avvicinato al film di Black Mirror pieno di supponenza e pregiudizi. Supponenza: perché non credevo che esistesse ancora qualcosa che non sapessi riguardo al retrogaming degli anni ’80. Pregiudizi: perché l’ultima stagione di Black Mirror comparsa su Netflix non mi aveva entusiasmato come le precedenti e, sì, va bene, c’era quell’episodio a tema Star Trek e siamo contenti, ma poi c’era anche tanto di quello che si potrebbe considerare sbagliato oggi come oggi. Comunque, la forte tentazione che le amicizie facebook hanno esercitato su di me...

5

Sono tornato illeso dal Firenze Vintage Bit 2018

Corridori, voi non potete immaginare quanto possa essere stato speciale questo Firenze Vintage Bit 2018. Non vi prendo in giro: come manifestazione è obiettivamente piccola, si svolge tutta in 3 stanzoni che non possono competere con l’hangar aeronautico del Brusaretro o con la suggestione medievaleggiante di quello che era diventato Quello Che… I Videogiochi l’ultima volta che ci sono stato. È una cosa più piccola e intima tipo il VicoRetrò, ecco. Una cosa così: piena di gente giusta, in forma smagliante ed esteticamente pregevole. È roba che quasi non ci si crede. È il tipo di manifestazione che piace alla...

0

Polybius – Il Mito : quella volta che lessi l’articolo di CassaCorporation

Dopo quello sulla saga di Swordquest dei Bit-elloni di più di due anni fa, ecco un nuovo guest post di un blog amico come quello di Michael Cassamagnaghi, meglio noto fra le retrogenti come CASSAcorporation. È un pezzo molto interessante riguardo a quel fenomeno che unisce il cospirazionismo ai videogiochi ed è conosciuto sul net sotto il nome di POLYBIUS. Ricordo a tutti i corridori che io e Micheal abbiamo visto DIO insieme, ne consegue che stiamo perseguendo la medesima missione per conto suo. Allora che aspettate? Fatevi una cultura con la guest-star e condividete se siete indignati. !1!!GOMBLOTTOOOO!!111!

0

La verità, vi spiego, su Mr.Do!

Nel 1979, alla Universal sognano di guadagnare tanti bei soldoni profumati come i regaz di Taito. Per rendere questo sogno possibile si avventurano nel nascente mercato dei videogames partendo da una buona posizione nel mercato dei pachinko. Prendono dei cabinati e ci infilando dentro cose, tra cui anche un clone di Space Invaders chiamandolo Cosmic Alien. Tre anni dopo, nelle sale giochi di tutto il mondo si possono trovare vari cabinati della Universal; forse ancora quello di Space Panic; qualche cabinato di Lady Bug; ma sicuramente almeno uno di Mr. Do! che è quello che sta vendendo un botto e...

0

Urrà! Ecco l’articolo su Brusaretro 2018!

Riassunto delle puntate precedenti: QUELLI CHE… I VIDEOGIOCHI bello, location spettacolare, tantissimi cabinati fighissimi come se non ci fosse un domani, esperimento riuscito ma purtroppo collassato su sé stesso; VICORETRÒ rivelazione dell’anno, difetti risolti, gente che si spende in marketing, e Luca Cusani vince. Penso che le mie intenzioni quando ho deciso di andare a BRUSARETRO fossero di dare una certa dignità a un evento di cui ho SEMPRE sentito parlare da dodici anni a questa parte, ma che alla fine non ho mai trovato né la voglia né il coraggio di visitare perché percepito come roba da parrucconi. Quel...

0

Gioia E Rivoluzione Videoludica : Spy Vs Spy

L’altro giorno porto mia figlia di 8 anni al compleanno di un suo compagno di classe. Il fatto che io indossassi una T-shirt con sopra stampata una schermata di Pac-man deve aver contribuito a farmi identificare come un “vero esperto” di videogiochi agli occhi dei genitori presenti, al che mi sono sentito sottoporre un sacco di domande da parte di una madre incerta nell’acquisto di una Playstation4 piuttosto che una Switch per il suo giovanissimo rampollo. Tralasciando il fatto che la povera stolta non riusciva proprio a capire che suo marito aveva già bello e che deciso per la PS4...

0

Return Of The Tentacle Prologue : il sequel non ufficiale che non ti aspetti

Ieri sera sono stato combattuto. Ho pensato che se non mettevo qualcosa di clamoroso di lunedì mattina non vi svegliavate per bene. Che potevo fare? Seguire la marea e il google trend postando i trailer del ComicCon di San Diego, oppure osare parlandovi di una produzione indie che mi sfrizzola il velopendulo? Sarò onesto: i trailer del ComicCon sono già tre giorni che me li guardo su youtube e mi avrebbero anche un filino rotto il cazzo, e poi, oh, qui abbiamo un titolo sul quale non si può assolutamente discutere. È il sequel di Day Of The Tentacle! Che...

1

Roba Da Intenditori : Ralph Supermaxieroe in sala giochi

Era il 1983 quando nel decimo episodio della terza stagione di Ralph Supermaxieroe intitolato “Maghi e Stregoni” il nostro eroe fa il suo ingresso in una sala giochi per sfidare un vero monstercade. Un cabinato di Tempest(Atari) con il pannello di controllo di Scramble(Konami) che permette di giocare ad Advanced Dungeons and Dragons:Cloudy Mountain per Intellivision. Perché accade questo? Esiste davvero una tale Chimera video ludica? È più semplice di quanto si pensi. Assolutamente NO. Per non pagare le royalties ad Atari per il suo Tempest, i produttori preferirono creare in sala montaggio questo mostro strano in modo che non...

0

Le migliori conversioni cinematografiche per Atari 2600

Ci sono molte cose che si possono sbagliare quando si crea un videogioco. E molti modi per poterle sbagliare. C’è però un solo modo per sbagliarle tutte quante insieme nel peggior modo possibile. E quel modo, non ve lo sto neanche a dire, è E.T. di Atari. Milioni di tastiere sono state già abbastanza martoriate per descrivere questo increscioso avvenimento, il quale, nella memoria collettiva dell’atariano medio, è diventato sinonimo di disincanto e forse a maggior ragione, frustrazione. Quello stesso tipo di frustrazione che si prova quando qualcuno parcheggia davanti all’ingresso del garage e tu sai benissimo che se anche chiamassi i...

0

Il nuovo Atari VCS : Un errore cosi’ bello che sarebbe uno sbaglio non commettere

Recenti studi condotti dall’università della Forfora mi definiscono come un uomo mondano. Di conseguenza posso anche capire che molti lettori del blogghino e ascoltatori di Atom Radio mi percepiscano come un privilegiato esponente del nerdismo che ha sempre un posto d’onore alle anteprime cinematografiche, agli eventi retrocosi, e alle sfilate di moda. Uno di quei personaggi che saltano la fila dal dottore, che al ristorante pagano il conto lasciando una semplice firma su un tovagliolo, e quasi sempre vanno in giro circondati da donne bellissime e disinibite. Ok. Lo ammetto. In parte tutto questo corrisponde a verità. Però sappiate che...

6

Vicoretro’ 2018 : Col tono giusto si puo’ dire tutto, e Luca Cusani lo ha trovato

Anche quest’anno, ma non come l’anno scorso che me ne andai a Imola per vedere il concerto di quel gruppetto da sagra laggiù (non mi sembra neanche il caso di nominarvelo dato che se non li conoscete significa che siete persone agre dentro e molto tristi), mi sono spinto fino agli sconosciuti lidi di Vicopisano, in compagnia dell’amico Nicola, per la terza edizione del Vicoretrò, interessantissima manifestazione che offre una vetrina per quanto riguarda il retrocomputing. Ottimo vino, qualche spritz, prosciutto che levati e una mattinata intera passata coattivamente tra computerS di trenta-quaranta anni fa e giovanissime ragazze immagine (tante...

0

Se un videogioco avesse le palle sarebbe Marble Madness

20 febbraio 2013 La radiosveglia si accende alle cinque e mezza. Mark Cerny si drizza a sedere sul letto come fosse un pupazzo a molla. Piedi in terra. Due metri avanti, tre metri a sinistra, preme l’interruttore e accende il neon sullo specchio del bagno. Si guarda, si riconosce, e tira un sospiro di sollievo. Abluzioni varie, barba, profumo, e un’acconciatura studiata con metodo: seriosa abbastanza da confacersi all’evento, ma quel filino anarchica per onorare il suo spirito ribelle. Colazione americana velocissima prima di fasciarsi in un completo di Armani. Bacio alla moglie che è rimasta coricata. Bacio al cane che...

2

RetroEdicola Videoludica : VIDEO GIOCHI del Gruppo Editoriale Jackson

Immaginate la scena. Sono i primi anni ’80 e il boom dei videogiochi e dei computer domestici sta esplodendo in tutta Italia. Da Milano a Palermo, le case di tutto il paese sono invase da microcomputer e console, mentre nel 1983, migliaia di bambini italiani strappano eccitati la carta di un regalo di Natale o di compleanno trovandoci dentro un Atari 2600, uno ZX Spectrum e, molto probabilmente, un Commodore 64. I videogiochi, insieme alla BMX, sono il regalo più ambito dalla stragrande maggioranza dei ragazzini, e molti genitori senza una vaga idea di cosa siano o come si possano...

0

In offerta alla Lidl : ATARIBOX alla Game Developers Conference 2018

Questo articolo ha una precisa funzione sociale. Come voi, anch’io ho una figlia, diversi nipoti, persone care di svariata natura, e sono molto preoccupato dalla loro completa estraneità al fatto che Atari presenti Ataribox al GDC 2018. Pensate che la mia bimba, che ha 7 anni suonati, non ha ancora provato a tenere in mano un vero joystick Atari, o fatto brillare un’asteroide in Asteroids, o contemplato la poesia di un carro armato che esplode in Battlezone. Mi contorco dialetticamente da mesi cercando di convincere i frequentatori del blogghino che giochi come Centipede o Gauntlet siano fondamentalmente degli educational pieni...

0

Orgoglio e Pregiudizio e Commodore : Dal Commodore 64 al C64 Mini

Arriva il C64 mini e siamo contenti, ma per entrare in empatia con lui dobbiamo tentare di ricordarci a che punto stava la tecnologia a metà degli anni Ottanta. Adesso concentratevi. Chiudete gli occhi e calatevi in situazione: [dissolvenza] Mentre noi abbiamo un amico figo con un home computer, il mondo del cinema e della televisione comincia a sfruttare questo argomento per raccontarci storie futuribili che di colpo diventavano plausibilissime. La rivoluzione informatica ha luogo portando in ogni famiglia italiana uno strumento grazie al quale si riesce a fare cose apparentemente impossibili se non dentro a un episodio di Star...

0

The Great Videogames Swindle : Di Billy Mitchell, Todd Rogers, e Twin Galaxies

Ha ancora senso per me parlare di videogiochi arcade nel 2018? I primi che ho recensito sono stati quelli laser di Don Bluth, con Dragon’s Lair e compagnia bella, nel lontano 2012, anno di fondazione del blogghino. Da allora non li ho più mollati: Pac-Man, Donkey Kong e pure Crystal Castles. Ne ho giocati parecchi, ne ho recensiti altrettanti e, parallelamente, ho scoperto un mondo di gente che li adora e ci gioca con impegno ancora oggi. Vere e proprie organizzazioni che certificano la veridicità di un record, veri recordman, uomini immagine promotori di sé stessi e di tutto l’indotto,...