Category: Retrogames

2

I Cugini Del Terribile e3 s1 TEASER – Ludicita’ a corte

  Lo sapevate che sta arrivando un nuovo podcast? Non ve l’avevo detto? Certo che ve l’avevo detto. È quasi pronto e deve parecchia della sua grinta e simpatica verve alla partecipazione de I Bit-elloni. Un tandem, quello tra I CUGINI DEL TERRIBILE e I BIT-ELLONI, che non poteva fare altro che occuparsi dell’avvento di DOOM in tutte le sue forme, passate e presenti.

0

DOOM 2016 : lo specialone in attesa del podcast coi Bit-elloni

Dichiarazione d’intenti: DOOM è, senza alcun margine di errore, un videogioco fatto da metallari fulminati con l’esoterismo e Dangeons & Dragons. DOOM è, senza ombra di dubbio, un videogioco destinato a un giocatore che, anche se non lo mostra esplicitamente, porta dentro di sé un piccolo fanciullino rigorosamente metallaro e anche un po’ esoterico. Per apprezzare per bene DOOM dovete per forza amare il metallo. Per gustarlo a fondo, in gioventù dovete aver crocifisso almeno una lucertola nel campo accanto casa. Per divertirvi quanto si sono divertiti i suoi creatori a programmarlo dovete aver fatto almeno una campagna a D&D...

2

Estirpare la piaga dei film brutti : Wargames 2 Il Codice Della Paura

Dunque, chiariamoci, ritengo che “WarGames – Giochi di Guerra” sia il film secchione per eccellenza. Pochi film sono riusciti a ritrarre l’immagine del nerd anni ’80 come ha fatto lui, e altrettanti pochi ci hanno insegnato cosa si poteva fare con un computer in quei tempi dove quasi nessuno ne aveva uno in casa. Ora tu, lettore, potresti pensare: « Ehi amico, ma questo non è l’originale! Questo ha un titolo con un numero davanti e un suffisso diverso, WarGames 2 Il Codice Della Paura !» Ecco, prima di tutto io non sono tuo amico. In secondo luogo, sì, è...

0

Orgoglio e Pregiudizio e Atari ReLOAD : Il regno di James Morgan (1983 – 1984)

E dunque siamo di nuovo qui, a spulciare la storia di Atari. L’inizio del 1983 vedeva El Ray caduto malamente, scivolato su una buccia di insider trading, e l’azienda da lui diretta fondamentalmente allo sbando. In Luglio Kassar venne CALDAMENTE consigliato a rassegnare le dimissioni e il suo successore fu velocemente identificato in James Morgan, vice presidente della Philip Morris fin dal 1978. Sì, avete capito bene, QUELLA Philip Morris delle sigarette. Ma perché si decise di rimpiazzare un presidente che vendeva calzini con un altro che vendeva fumo? Non si sa di preciso, in Atari, come sapete, succedevano cose...

3

Orgoglio e Pregiudizio e Atari : Il regno di Jack Tramiel (1984 – 1996)

Dunque, vi ricordate dove eravamo rimasti? Atari aveva creato il boom dei videogiochi ed era morta nell’implosione di quel mercato. Ray Kassar era stato defenestrato e al suo posto era arrivato un venditore di fumo (nel vero senso della parola). I licenziamenti selvaggi iniziarono nel 1983, e da un picco di 10.000 dipendenti nel dicembre 1982, si passò a soli 200 nel luglio del 1984. Mese quello, a parere di molti, caldissimo, anzi, per Atari fu un vero inferno. Fu il mese in cui Jack Tramiel, presidente dimissionario da Commodore, acquistò un’Atari in svendita totale da Warner Communications, offrendo il...

2

Masters Of Doom : ovvero come due ragazzi hanno creato un impero e trasformato la cultura pop

«Io non sono pazzo, mia madre mi ha fatto controllare!» Lo disse il dottor Sheldon Cooper in non so quale puntata di The Big Bang Theory, durante una delle prime stagioni, quando la serie era ancora una cosa nerd figa che la capivano in due, e non quella commediola degli equivoci american-popolare che piace a tutti adesso. «Io non sono pazzo, mia madre mi ha fatto controllare!» era l’esclamazione perfetta per quelli che, come Sheldon, si trovavano a manifestare gusti, opinioni, e atteggiamenti diametralmente opposti a quelli comunemente presi a riferimento, e quindi dovevano, loro malgrado, difendersi dal pubblico ludibrio...

0

Orgoglio e Pregiudizio e Atari: Il regno di Ray Kassar (1978 – 1983)

L’altro mese parlo con Emiliano Buttarelli e mi dice: « Vorrei fare un podcast cazzone per celebrare la storia di Atari, però fatto in maniera che lo capisca anche un ubriaco e ci si possa divertire facendo le congetture what if ». « Vedi tu il caso, boss », gli dico, « noi siamo mesi che ci dilettiamo con i what if di Atari. Adesso, ad esempio, io sono qui ospite di Nolan Bushnell che bevo un mojito e sto discutendo sulla possibilità di realizzare una console sequel del Jaguar dal nome PlayFava. Lui vuole la retrocompatibilità con i titoli...

0

Orgoglio e pregiudizio e Atari : Il regno di Nolan Bushnell (1972 – 1978)

Nolan Bushnell è un soggettone del mondo dei videogiochi. Uno dei; quanti saranno? Sette, otto di quel mondo lì che proprio non si posso ignorare. Ognuno di voi avrà i suoi preferiti, ne sono certo, per cui, per evitare di menarci subito forte e vedermi scrivere nei commenti «ma non hai citato questo che è troppo il migliorissimo!», non menzionerò nessun’altro, ma anzi, articolerò la questione un filo meglio. Nolan Bushnell è uno dei soggettoni del mondo dei videogiochi. Il suo operato ha definito il concetto di videogioco commerciale. S’è inventato qualcosa, come ha fatto (prima di lui?) il suo...

0

Impatto imminente : I Cugini Del Terribile e2 s1 TEASER – Simone non sente Atari

Succede che noi Cugini Del Terribile ci abbiamo pensato un po’ sopra ed è venuto fuori che, vista la corposità dell’argomento, magari invece di fare un solo podcast lungo 4 anni forse sarebbe meglio farne due o tre che accarezzino voluttosamente i 30/40 minuti. Una cosa più soft via, che le persone normali hanno da fare e non possono starsene a sentire ore intere di gente strana che chiacchiera. D’altronde dobbiamo ancora capire qual’è il nostro formato ottimale, per questo motivo nei podcast di Atari sentirete anche dell’ottima musica, SynthWave per l’esattezza, ché c’è a disposizione un sottobosco musicale fiorente...

0

Swordquest Contest : Quella volta che lessi l’articolo dei BIT-elloni

Avete visto il bengala rosso in cielo? L’ho sparato io. Ne sparo sempre uno ogni volta che sbatto contro un articolo interessante sul blog degli altri. Ieri ero lì che navigavo tranquillo, l’internet era piatto come una tavola, uno spettacolo di rete, guarda. Poi, tutt’a un tratto ti cozzo contro il blog dei BIT-elloni (un bel blog, ragazzi, ve lo raccomando), e ti leggo questo bell’articolo sulla saga Atari di SWORDQUEST. Allora che faccio? Chiamo StarFox Mulder e gli dico: «Bella frà, me lo concederesti il tuo articolo come guest-post sul mio blog?» Lui mi risponde «Avoja Simò, daje così,...

2

I Cugini Del Terribile e2 s1 TEASER – Mario e Atari

  Non c’è mai niente di facile, e la storia di Atari lo conferma. Questo podcast chiede molto agli ascoltatori: è articolato, è sinuoso e necessita di una buona dose di passione per essere seguito. I più esperti si ritroveranno ad ascoltare riferimenti e rimandi a vecchie e celeberrime storie atariane. I più giovani, per certi versi più liberi di seguire la storia per quello che è, dovranno ugualmente stare bene attenti a non perdere il filo di una vicenda complessa che abbraccia decadi. E tutti noi, autori e ascoltatori, senza distinzione, continueremo a essere in balia degli eventi di...

2

What if Atari avesse continuato a dominare il mondo dei videogiochi (1976-1984) Parte 3

Nel 1985 ricorreva il 25 ° anniversario della liberazione dalla tirannia anglo-comunista e, senza ombra di dubbio, le due macchine che stavano trainando l’industria fuori dalla toilette del grande crash dei videogiochi furono la console Atari 7800 Pro System e l’home computer Atari 130 XE. Vi piacerebbe fosse andata così eh!? No? Fottesega, a me invece sì, ed infatti eccoci al terzo sofferto capitolo della storia alternativa di Atari. Quella storia scaturita dalla solita centrifuga mentale tra me ed Emiliano Buttarelli, e nella quale stavolta è entrato di tutto, da Better Call Saul a Codice D’Onore, da Console Wars financo...