I Cugini Del Terribile e2 s1 TEASER – Mario e Atari

 

Non c’è mai niente di facile, e la storia di Atari lo conferma. Questo podcast chiede molto agli ascoltatori: è articolato, è sinuoso e necessita di una buona dose di passione per essere seguito.
I più esperti si ritroveranno ad ascoltare riferimenti e rimandi a vecchie e celeberrime storie atariane. I più giovani, per certi versi più liberi di seguire la storia per quello che è, dovranno ugualmente stare bene attenti a non perdere il filo di una vicenda complessa che abbraccia decadi. E tutti noi, autori e ascoltatori, senza distinzione, continueremo a essere in balia degli eventi di questo passato nel quale Atari è stata protagonista, nel bene e nel male.
Poi, a questo giro, la cosa davvero difficile sarà immaginarsi degli scenari alternativi nei quali Atari abbia azzeccato le mosse giuste, sulla falsa riga dei WHAT IF che scrivo sul blogghino, per questo abbiamo chiesto l’aiuto di Gianluca Santilio, perchè avevamo bisogno di una guida, di una luce in fondo al tunnel. Gianluca è infatti il tenutario di quel bellerrimo canale youtube denominato L’ARCHIVIO DEL SIG. SANTILIO, oltre che podcaster per ARCHEOLOGIA INFORMATICA. Gianluca Santilio, giocatore completo, nume tutelare del retrogaming, eroe.

prova

Gianluca Santilio eroe

La storia di Atari vi colpirà in volto su Chi non Corre è Perduto.

Release date: Lunedì 28 Marzo

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

2 Responses

  1. Mario Della Morte (Nera) ha detto:

    ssi cavolo de gggiochetti pippiripippi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *