Liberate il Kraken! Arriva il sequel a fumetti di Grosso guaio a Chinatown

Big-Trouble-in-Little-China

Tranquilli! Sono qui

Cari “Corridori“. Vi piace se vi chiamo corridori? L’ho inventato io. Sareste voi 2 gatti spelacchiati che leggete Chi Non Corre È Perduto. Ebbene corridori, sappiate che nel 1986 “La Cina” fece un incidente all’incrocio con Jack Burton, un camionista interpretato da Kurt Russell che in uno dei più tamarri e incompresi film del maestro Carpenter, Grosso Guaio A Chinatown, faceva tappa proprio …uh…MA A CHINATOWN?!
Jack rimaneva invischiato in un’antica profezia cinese, attirandosi addosso le nefaste attenzioni di un mago incredibilmente potente di nome Lo Pan. Quello che ne derivava era una commedia avventurosa dal ritmo svelto, piena di tizi che sparavano fulmini dalle mani, gente che si rialzava dopo essere stata messa sotto da un camion, e guerre tra bande che si trasformavano in scazzottate con tanti cartoni sul grugno quando le pallottole finivano.

Sopra: Calma, dignità e classe

Sopra: Calma, dignità e classe


“La Cina” che ci veniva presentata nel film era l’elevazione alla potenza di infinito di quanto c’era di più truzzo e kitsch nel mondo in quel momento, e non era casuale. Il tutto era puramente intenzionale, premeditato a tavolino.
Mentre professava al mondo di  essere «nato pronto», Kurt Russell trascorreva la maggior parte del film a combinare guai ed essere salvato da altri, e gli omaggi alla filmografia orientale si sprecavano, attribuendo a Carpenter il primo vero film tributo al cinema di Hong Kong ben 17 anni prima di Kill Bill.
Il film floppò di brutto al cinema, ma è stato promosso al rango di cult sul mercato home video. Avete capito di che sto parlando, corridori? Bene, allora sappiate che a Giugno arriva il sequel a fumetti nella terra degli hamburger. Ce lo consegnerà la BOOM! Studios e non è ancora chiaro se si tratterà di una mini serie di qualche numero soltanto o una serie regolare vera e propria. Quello che si sa al momento è che le storie saranno scritte da Eric Powell, il creatore di The Goon, e i disegni saranno di Brian Churilla. Il fumetto riprenderà le storie di Jack Burton esattamente da dopo la fine del film e sarà ambientato nel 1986. Ovviamente, lui sarà a bordo del Pork Chop Express, per cui lo vedremo spesso in giro on the road.

Non mi sembra il caso di ricordarvi chi sia Jack Burton, altrimenti vi conviene smettere subito di correre e farvi mangiare dai fantasmini, vi dico soltanto che in molti hanno provato a trasporre il film in fumetto ma alla fine la cosa non si è mai concretizzata. Questa volta però c’è una differenza sostanziale, ovvero, il coinvolgimento di John Carpenter come consulente per la serie!

tumblr_ml4quvlp3G1qisxvio1_500

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *