Manuale per sopravvivere agli zombie: non potete farvi trovare impreparati

manuale

Per sopravvivere bisogna essere pronti

Gli zombie sono una cosa seria, altroché. Sono macchine della morte inarrestabili, infaticabili e insaziabili. Basta una semplice distrazione, una leggerezza del momento per caderne vittima e diventare come loro. Altro che fantasiose storie o leggende distorte, i non-morti sono una minaccia che va affrontata con metodo, senza lasciare niente al caso. E allora cosa potrebbe fare l’uomo della strada trovandosi a combattere un nemico di sì tale entità? Come si dovrebbe comportare il signor Rossi quando manca l’elettricità, i telefoni non funzionano e i cadaveri camminano nel suo giardino?
Ammesso e non concesso che chiunque riuscisse a usare un telefono possa poi contattare qualcuno capace di correre in suo aiuto, dovrà cavarsela da solo, con i propri mezzi e le poche risorse che avrà a disposizione nell’immediato. Fossero anche oggetti facilmente reperibili in casa, dovrà trovare il modo di abbattere il grasso commesso dell’IKEA che ora protende le mani verso di lui e cerca di germirlo con la bocca spalancata traboccante vermi. E allora NIENTE PANICO e leggete la Guida galatt…IL MANUALE PER SOPRAVVIVERE AGLI ZOMBIE.

A trarre d’impaccio l’uomo qualunque ci pensa Max Brooks, unico e solo signore degli zombie che è già comparso sui radar di questo blog e non uscirà dal campo visivo ancora per molto tempo.
Brooks anche stavolta stupisce, come è ormai d’uso nel suo stile, per la quantità industriale e la qualità enciclopedica dei suo preziosi consigli. Il libro, come recita il titolo stesso, non è altro che una serissima guida, completa ed esaustiva, sulle tecniche di combattimento, le armi e i terreni di scontro per combattere efficacemente gli zombie.
Il tutto descritto dettagliatamente, curando tutte le possibili implicazioni pratiche, e dedicando anche una buona parte di attenzione al “Conosci il tuo nemico”, con una descrizione attenta di usi, comportamenti e miti degli zombi.

sam_zombieIl tutto plausibilmente impostato e scritto come se gli zombi fossero REALMENTE una minaccia mortale.
Un esempio? Eccolo: Come fare per procurarvi qualsiasi qualcosa che possa essere una valida arma contro uno zombie?
Semplice. Basta che vi poniate le seguenti domande:

  1. Può sfasciare un cranio in un colpo solo?
  2. Se no, può almeno decapitare il nemico in un colpo solo?
  3. Quanto è maneggevole?
  4. Quanto è leggero?
  5. È resistente?

Se il vostro oggetto riesce a superare questa veloce analisi allora potrà essere un’arma efficace, altrimenti cominciate a correre.
Ovviamente, oltre alla cura della parte offensiva, con le sue tecniche e la scelta delle armi migliori, nel manuale sono spiegati minuziosamente anche tutti gli altri aspetti di una efficace resistenza all’olocausto zombie.

ZombieKB_in_caso_di_attacco_zombie

Poche semplici regole

I sette capitoli in cui è diviso vertono anche sulla difesa: nel caso non si voglia fuggire e si scelga di resistere asserragliati in casa o in un luogo facilmente difendibile. La fuga: nel caso si sia costretti a fuggire velocemente attraversando un territorio infestato. La sopravvivenza: nel caso ci si trovi senza risorse e riferimenti in un mondo di non-morti. La conoscenza del nemico: nel caso si voglia sapere quali siano i punti deboli di uno zombie e come colpirli per neutralizzarli velocemente.

PUNTO DEBOLE

Ovviamente, lo scopo finale del libro è quello di dare una preparazione adeguata in attesa che la milizia ristabilisca l’ordine, forse. Ma in virtù di questo a risentirne può essere l’attenzione del lettore. Proprio perchè il libro è strutturato come una guida vera, non ha una trama da seguire, non ha colpi di scena o intrecci. È solo un elenco di nozioni che, se pur presentate con una precisione scientifica stupefacente, sicuramente non appassionano.
Questo non significa che l’opera sia noiosa anzi, la molla che spinge avanti il lettore è la curiosità didattica: roba tipo “quale sarà mai il prossimo aspetto preso in considerazione da Brooks?”. Per il lettore medio può quindi risultare pesantuccio.
Infine, l’ultima parte del manuale è dedicata ai cosiddetti “Attacchi documentati”. Un resoconto storico di tutti gli attacchi zombie documentati durante la storia dell’umanità, dalla preistoria al 2002.
Proprio quest’ultima parte è poi stata trasposta in forma di fumetto ed è disponibile nelle fumetterie ad un prezzo da strozzini.

manuale per sopravvivere agli zombie attacchi documentati

Quindi concludendo, niente paura, affidatevi con fiducia al Manuale per sopravvivere agli zombi. C’è tutto quello di cui oggi avete veramente bisogno. Una guida come non ce ne sono altre, per scongiurare la minaccia che incombe su di noi. Nessuno escluso.

email
Questa voce è stata pubblicata in Libricini e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *