Mi vendo: La presentazione di ERAVAMO SOLTANTO AMICI

TEMPO DI LETTURA: 3 minuti
Mia figlia con un giovane stallone intervenuto all'evento

Mia figlia con un giovane stallone intervenuto all’evento

Finalmente il fatidico giorno è giunto. Hai organizzato tutto nei minimi particolari.  Sei pure andato a fare il sopralluogo, come se tu fossi il geometra. In realtà sei un perito elettrotecnico ma alla fine che differenza fa? Tanto sono tutti dei cialtroni questi periti. Quasi più dei geometri…quasi. Fatto sta che era tutto perfetto: il posto suggestivo, lo spazio capiente, il piccolo buffet per sfamare gli ospiti parecchio invitante. Tutto l’umanamente possibile l’avevi calcolato, per il super-umano ti stavi organizzando. Ed è proprio lì che è cascato l’asino.

Si perchè la presentazione è andata bene, tutto si è svolto come era stato ampiamente preventivato. La sala del bagno Balena 2000 l’hai riempita a tappo come da pronistici e il servizio Eventi di Facebook si è dimostrato fallace quanto una pretesa verginità di Jenna Jameson.

Ma se appena un giorno prima, durante il sopralluogo, ti guardavi intorno e il tempo era questo:

24 ore dopo, il giorno della presentazione, il tempo era quest’altro:

Piove, GOVERNO LADRO!

Per tutto ciò non hai potuto fare altro che maledire la famosa divinità egizia ANUBI, il DIO CANE protettore dei morti che sicuramente ci ha messo lo zampino nel rovinarti una così bella giornata, ma se da un lato tu lo detesti questo dio, dall’altro lo devi ringraziare, altrimenti non ci sarebbe stato spazio e la gente l’avresti messa in piscina.

Facce euforiche e saltimbanchi durante la proiezione della corazzata Potëmkin (che è una cagata pazzesca)

Facce rassegnate e sconforto durante la proiezione della corazzata Potëmkin (che è una cagata pazzesca)

Comunque, come dicevi, la presentazione è andata a meraviglia, ti sei difeso alla grande. La tua presentatrice spalla Francesca Monica Campolo si è comportata con signorile professionalità e tu le sei andato dietro, confermando definitivamente l’alchimia che si era instaurata tra voi due e facendo impallidire la memoria di altre grandi coppie dello spettacolo tipo Sid & Nancy o Sulley & Mike.
Dopo un’iniziale tiepida diffidenza(tua personale per la verità) sei riuscito a fare breccia nel pubblico, tanto da regalare qualche degno siparietto salutato dai un tripudio di miccette da parte dei maschi presenti in sala, quando hai voluto controbattere a quella velata allusione sul menefreghismo maschile con il tuo postulato sulla “Scelta di non vedere”:

Ulteriore apprezzamento ha ricevuto il tua teoria del Supercattivo, motivata da anni di fumetti di Batman sul groppone. Mentre parlavi, nella tua mente Jack Nicholson e Heath Ledger giocavano a chi la faceva più lontano:

L’enunciazione dell’anomalia del personaggio sulla storia, beh, quella ti ha spianato la strada verso il Nirvana degli scrittori che dicono ovvietà ma non sempre queste ovvietà vengono condivise dai loro colleghi.

Alla fine della giornata hai strinto diverse mani, firmato molte dediche, ringraziato il mondo intero e pure baciato qualche bimbo. Anche il buffet non era poi così malvagio e mentre tornavi a casa, sotto una pioggia incessante che non si è mai interrotta per tutto il giorno, avevi l’anima in pace perchè eri convinto di aver dato una bella prova di te stesso. L’umanamente possibile lo avevi fatto e per il super-umano…la prossima volta sarà meglio chiamare Stan Lee.

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *