NATALE 2019: Siamo sopravvissuti un altro anno. Vi pare poco?

TEMPO DI LETTURA: 2 minuti

Ok. ci siamo arrivati. Questo è il periodo dell’anno in cui i vostri amici cristiani vi ricordano tramite i MEME di Facebook che è nato Cristo e, contemporaneamente, i vostri amici atei vi ricordano che “Natale”, nella migliore delle ipotesi, è soltanto un’orgia pagana ribattezzata, e nella peggiore un ibrido grossolano di religiosi stimoli economici.
Bene, a voi lascio l’onere di prendere un’audace posizione a riguardo, ma vi voglio comunque ricordare che a Natale c’è abbastanza magia per tutti, dannazione, e forse sarebbe bello condividerla a prescindere dal fatto che vi sia piaciuto l’ultimo film di Star Wars o meno (a proposito, avete proprio rotto il cazzo quest’anno) .
Quello che posso dirvi, cari affezionati lettori, è che siete bravi. Sì, tu. Proprio tu, corridore che mi segui da quando ho aperto la baracca nel 2013; sei bravo, e non perché hai fatto delle cose particolarmente fighe nel 2019, non perché sei smart o alla moda, ma solo perché sei qui, ora, a leggere quello che ho da dirti su questo blog sperduto nel mare di internet.
Ok, certo. Sicuramente sei capitato perché non avevi niente di meglio da fare. Questo è molto probabile. Ma non importa. Credimi. Puoi essere nero, bianco, maschio, femmina, irlandese, tedesco, leghista, alto, basso, brutto o carino, se sei qui fai parte di una ristretta famiglia di lettori molto particolare, talmente particolare che se dovesse essere creato un programma televisivo su questa famiglia, ti divertiresti moltissimo a guardarlo e pagheresti fior di paperdollari per comprarti tutte le stagioni in Blu-Ray.
Perché tu, lettore di questo blog, appartieni a una specie intrinsecamente eroica, e se non vedi in giro cartelloni pubblicitari che te lo dicono, non è perché non è vero. È perché non c’è nessun profitto nel fartelo sapere. Tutto lì.
Quindi, sai, buon Natale e felice anno nuovo, lettore. Non preoccuparti troppo di essere cool, non ti incazzare troppo se L’Ascesa Di Skywalker non era come volevi che fosse. Non è importante, super importante o super fantastico. Pensa se invece di essere nato umano eri nato Giraffa. Non so cosa facciano le Giraffe a Natale. Sono strane.

Grazie per aver letto il blog quest’anno. Ci ritroviamo dopo Befana. Stammi bene.

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con sé stesso e non falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai videogiochi vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

4 Responses

  1. Max ha detto:

    Tanti Auguri Simone !!! Buon Natale e Felice anno Nuovo (come si usa dire in questi casi: “a te e famiglia” 🙂

  2. Twinkle ha detto:

    “mi segui da quando ho aperto la baracca nel 2013”
    Presente! O boh forse il 2014 massimo, chi se lo ricorda. Commento poco ma leggo quasi tutti, ci provo. Buon Natale anche a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *