Guns’n’Roses – November Rain: Le 15 cose che non sapevi e che forse ne potevi fare anche a meno

november rainSalve corridori. Non so se qualcuno di voi abbia mai suonato in una band. Io sì, però non ho la pretesa di essere stato l’unico ad aver fatto figure di cacca nella vita. Sulla base delle impietose leggi della probabilità, penso che anche voi abbiate contribuito ad attaccare parecchie figurine di merda sull’album del rock.
Se siete dei musicisti stanchi o anche ex che hanno attaccato la chitarra al chiodo per dedicarsi al calcetto di giovedì sera, mi sento di dirvi un paio di cosette:

1) Forse era meglio se cambiavate il nome della vostra band in qualcosa di più semplice. “Membro Kid e le Erezioni Anticipate” e “La Sedia Piezoelettrica e le Termocoperte Volanti” erano ganzi sì, ma non rimanevano in mente. 2) Se foste diventati famosi a tal punto che qualcuno nella vostra band vi avesse proposto di suonare una canzone di nove minuti per poi fargli un video musicale altamente elaborato, primo di una trilogia di ambiziosi video ad alto budget, voi cosa gli avreste risposto?
No, lo dico perchè le cose funzionano così: fai una musica dannatamente impressionante e diventi famoso. Quando sei famoso, la gente smette di dirti di no e il tuo ego sfugge all’attrazione gravitazionale volando verso l’infinito. Ecco che cose come una trilogia di video musicali di nove minuti follemente costosi e basati sui racconti degli amici, iniziano ad avere un sacco di senso, e con nessuno che interviene per dirti “WTF! Che BIP stai facendo?“, alla fine vengono realizzati.
Poi però ti presenti da solo dieci anni dopo ai Video Music Awards, con i dreadlocks e un chitarrista con un maledetto secchio in testa al posto di Slash, e lì completi 3 album di figurine in un colpo solo.

Allora corridori, io ‘sti post de “le cose che non sapevi…” di solito li faccio con i videogiochi vecchi ma questa volta mi sono voluto cimentare in un ambito musical-tamarro molto abusato in quegli anni là, ovvero: LE BALLAD. Quelle canzoni grintose ma tenere, dolci ma graffianti, struggenti ma incazzate che di solito venivano tirate fuori da gruppi che non te lo aspettavi. Da gente che un attimo prima aveva inciso canzoni dal titolo “Danzando tra le carcasse putrescenti”, oppure, “Che bello non lavarsi mai e andare a prostitute con uno zaino pieno di coca”. Ecco. proprio quei gruppi lì, che se li incontravi per sbaglio nella metro cominciavi a correre senza voltarti indietro, ti riuscivano a suonare delle canzoni così delicate e sentimentali da farti venire il magone.
Comincio quindi con una delle principali ballad mai suonate nella storia della musica. Quella “November Rain” di quei Guns’n’Roses (o Ganzi e Rozzi) che tanto ci hanno dato in termini di autolesionismo e truzzaggine. Beccatevela tra capo e collo e vai di magone.

Dunque, il video è diviso in due parti: una performance dal vivo in una grande sala da concerto, e un triste racconto confuso sull’amore perduto a causa della…pioggia? Boh? Proprio nella sala da concerto c’è questo tizio baffuto in smoking e papillon, che dirige l’orchestra agitando le braccia e i suoi lunghi boccoli. Ecco. Lui è uno dei miei personaggi preferiti di questo video. Fateci caso che merita.

a2

1) Sia la canzone che il video sono basati su un racconto di un amico di Axl, Del James, intitolato “Without you”. Il racconto è contenuto in una raccolta intitolata “The Language Of Fear“, che è tornata nuovamente sul mercato nel 2008 dopo essere stata lungamente irreperibile. Questa nuova versione del libro contiene la presentazione di Axl Rose nella quale dichiara che senza il contributo di Del James non avrebbe mai scritto le canzoni “The Garden” e “Yesterdays”.

2) Scritta da Axl Rose, la versione originale della canzone era lunga 25 minuti. TROPPO. Venne allora modificata portandola a una lunghezza di 8 minuti e 59. È la più lunga canzone mai entrata nella Top 10 amerrigana e contiene il più lungo assolo di chitarra in un singolo da Top 10. In realtà Slash se la gioca con ben 2 assoli, ma la cosa non viene considerata e conta come se avesse fatto un assolo unico. Rose dice di aver cominciato a lavorare su “November Rain” già dal lontano 1983, ma riuscì a rilasciarla come singolo solo nel ’92 a causa dell’opposizione di Slash e Duff McKagan.

3) Il video costò una cifra faraonica per quel tempo e venne programmato massicciamente su MTV. È interpretato dall’attrice e modella Stephanie Seymour, la ragazza di Axl Rose in quel momento. Per farlo ci hanno speso 1 milione e mezzo di paperdollari e un decimo del budget è stato usato per la costruzione della chiesa. Sì, avete capito bene. QUELLA chiesa che sembra un box auto foderato di legno.

4) Una bella fetta di Budget se ne andò pure per il vestito della Seymour. Uno dei più corti abiti da sposa mai visto in un matrimonio. Ma tutto questo diventa irrilevante quando decidi di sposare uno che viene in chiesa vestito da bucaniere.

Anche un po' ballerina di can-can

Anche un po’ ballerina di can-can

5) Stephanie Seymour era una modella che aveva posato per Sports Illustrated, Playboy ed il catalogo di Victoria Secret. Era anche la ragazza di Rose al tempo (lui sostiene che erano fidanzati ma lei nega). Lo mollò l’anno dopo, nel 1993, quando Axl la accusò di sfruttamento nei suoi confronti e volarono pizze e sganassoni in cucina.

h1

Il bucaniere adesso è triste

6) Prego notare l’inquietante presenza di un bambino/NANO col berretto da scugnizzo. Sta girando uno sguardo interrogativo a Stephanie Seymour, presa mentre è intenta a sfoderare la sua aplombe leccando la torta che le porge Axl.
Ecco un altro personaggio meritevole di attenzione durante questo video.

o1

Cafonal

7) Secondo Matt Sorum, “November Rain”, “Don’t cry” e “Estranged” sono stati concepiti come un’unica canzone. Sorum ammette tranquillamente di aver suonato lo stesso tempo di batteria durante tutte e tre le canzoni, e di essersi preso anche qualche critica per averlo fatto. In particolare dall’ ex batterista dei Dream Theater, Mike Portnoy.
Sorum comunque sottolinea che è stato tutto intenzionale.

8) Durante i festeggiamenti post-cerimonia tutti ridono, ballano, bevono e sono contenti. Poi però comincia piovere ACIDO SOLFORICO PURO e c’è un fuggi-fuggi generale. A un certo punto c’è un tipo che, per sfuggire alla pioggia di meteoriti, si butta direttamente sulla torta nuziale.

cake-tackle-in-november-rain-o

Lui ha vinto

Si chiama Riki Rachtman ed era il presentatore di una trasmissione sull’haevy metal chiamata “Headbangers Ball” in rotazione su MTV. Era un buon amico di Axl. È LUI IL MIO PERSONAGGIO PREFERITO di questo video. Alla grande così Riki.

9) Il video di “November Rain” è stato diretto da un signore di nome Andy Morahan, che poi ha diretto di conseguenza anche “Don’t Cry” ed ” Estranged “. Nell’ambito musicale ha piazzato diversi validi videoclip tipo “Faith” di George Michael e ” (Everything I Do) I Do It for You ” di Bryan Adams. Poi si è spostato sul cinema e ha diretto il film “Highlander III:. The Sorcerer” giocandosi tutta la reputazione che si era guadagnato.

10) Quando Slash suonava il primo epico assolo, Rose aveva inizialmente immaginato che la scena si svolgesse in un campo di…qualcosa. Alla fine, per quelle inquadrature, venne deciso di utilizzare una chiesa nel Nuovo Messico che, casualmente, era già stata usata nel film “Silverado” del 1985.

slash-november-rain-o

11) Vennero costruiti ben 2 set della chiesa con l’aiuto di artigiani locali. Il set esterno  consisteva in un vecchio edificio fatiscente che venne messo su rotelle, trasportato al centro di una grande prateria e opportunamente trasformato per essere ripreso durante le panoramiche.
L’altra chiesa ne era un esatto duplicato e venne preparata per gli interni, con muri rimovibili e vetrate con decorazioni fatte a mano (e non venne utilizzata).  La chiesa originale, quella a Santa Fe, venne filmata per i primi piani.

gnr03412) Il sacerdote nel video, un uomo italiano di nome Gianantonio, era un amico di Rose. All’insaputa della band, la chiesa utilizzata nel Nuovo Messico era il luogo dove, otto anni prima, il sacerdote aveva svolto le sue funzioni.

13) Nel video non viene mostrato esplicitamente come muore la sposa di Axl. Il racconto di Del James suggerisce fortemente un suicidio. Fatto sta che deve essere morta comunque male perchè, durante la sequenza del funerale, è possibile vedere uno specchio che copre metà del viso della sposa. Questa tecnica è realmente utilizzata dalle agenzie di pompe funebri per consentire alla vittima di un trauma cranico con il volto deturpato di avere un bell’aspetto nel caso di un funerale con bara aperta.

14) A un certo punto del video viene inquadrata l’insegna di un negozio di armi, “GUNS”. Ci doveva essere anche un fioraio con l’insegna “ROSES”, ma non è stato inquadrato. Era un ovvio riferimento al nome del gruppo.

15) La grande sala da concerto dove Slash sale sboronamente sul pianoforte di Axl si trova a New York. Venne riempita con 1500 comparse e il gruppo si esibì veramente in più riprese. Axl odiava l’effetto “playback” e voleva che il video risultasse il più veritiero possibile. In pratica 1500 persone sono state pagate per godersi un concerto dei Guns’n’roses.

t1

email
Questa voce è stata pubblicata in Musik e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Guns’n’Roses – November Rain: Le 15 cose che non sapevi e che forse ne potevi fare anche a meno

  1. Ste84 scrive:

    Quando ho scoperto questo blog (e la cosa si è decisamente rafforzata dopo aver letto una gran quantità di vecchi post) ho sgranato gli occhi dallo stupore e il mio primo pensiero è stato “se mai avessi fatto un blog giuro che avrei voluto farlo quasi identico a questo!”. L’unico particolare che mi ha fatto desistere dal credere di essere stato sostituito in un’improbabile invasione di ultracorpi (oltre al fatto che questi non hanno sentimenti e in questo sito ce ne sono parecchi) è stato che “se però fosse stato il mio blog avrei scritto molto di più sull’heavy metal”. Ecco. E ora cosa devo pensare?! 😀

    • Simone Guidi scrive:

      Caro Stefano, vedrai che soddisfazioni. Adesso ho scoperchiato il pentolone delle BALLAD ! 😉 grazie per l’apprezzamento

      • Ste84 scrive:

        Se anche tu come me ami gli anni ’80 saprai che il decennio è stato un’inesauribile fucina di ballad strappamutande perciò credo proprio che avrai l’imbarazzo della scelta! In particolare, pescando a piene mani nel calderone glam\street metal troverai certe gemme davvero indimenticabili. Tra le mie preferite, alcune famose altre meno, ci sono “Bon Jovi – Always”, “Cinderella – Don’t Know What You Got (Till It’s Gone)”, “Dokken – Alone Again”, “Mötley Crüe – Home Sweet Home”, “Poison – Every Rose Has Its Horn”, “Great White – Save Your Love”, “Tigertailz – Heaven” e tante tante altre! Per un vero tuffo amarcord in quel periodo sfavillante consiglio caldamente di gustarsi i videoclip dell’epoca su youtube, a me vedere capelli cotonati, chiodi borchiati, calze a rete e harley davidson come se piovesse mette decisamente di buon umore! 😉

        • Simone Guidi scrive:

          Stavo giusto pensando ai motley, i poison e il buon vecchio Giovanni bongiovanni con le sue ballad caoboie e il conseguente aggancio a “young guns”. Che ne dici? Si può fare? 😉

  2. alba belvedere scrive:

    mi fai sbellicare

  3. Raffaele scrive:

    Non ho voluto neanche leggerle queste cose!!!!!
    Forse perchè sono troppo attaccato alla musica dei Guns N Roses, nonostante sia relativamente giovane e non li abbia vissuti quando erano quando erano la più grande band del mondo, ma hanno cambiato il modo in cui vedevo la musica e reputo November rain e soprattutto estranged dei capolavori che ognuno di noi debba capire e non solo ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *