Mi sono rotto il razzo – problemi di copyright

Mi sono veramente rotto il razzo
 

Buonasera! Come va? Tutto bene dalle tue parti? Ti trovo in forma. Tutti questi anni non ti hanno per niente sciupato, vecchio guascone che non sei altro.
Mi fa piacere vedere che apprezzi gli articoli di questo blog. Pensa, io invece mi sono proprio rotto il razzo, sai? In questo preciso momento mi girano talmente forte i garabadorri che potrei volare direttamente in Australia in meno di un’ora, e lo sai perché? Proprio per colpa tua!
Per colpa di te che vieni qui, leggi cose che ti piacciono, le copi pari-pari e poi le incolli sulle pagine del tuo blog personale, del tuo sito aziendale, del tuo portale di roba nerd laqualsiasi mettendoci la tua firma in fondo.
Ecco. Il mio problema sono proprio quelli come te. Quelli che poi, gira che ti rigira, viene fuori che nel profilo linkedin scrivono di essere degli INFLUENCER, dei sommi esperti in nerdologia, dei rodati affabulatori radiofonici, insomma, gente che, se gira bene, viene anche pagata per quello che fa. Non è mica cosa da poco di questi tempi essere pagati, no? Vedi culo che hai.
Io, per esempio, da quello che scrivo qui sopra non ci tiro fuori un euro, anzi, mi tocca pure pagare ogni anno il dominio. Vedi te.
Ché poi la maggior parte delle cose che leggi qui le scrivo la notte, ovvero, nell’unico lasso temporale in cui moglie e figlia sono disattivate per ricaricare le rispettive batterie.
Capito come vivo io? Ho questo pallino della scrittura che coltivo da anni e mi tocca metterlo in pratica la notte, sgattaiolando nello studio come un ladro quando la vita vera si assopisce, e scrivendo di cose che probabilmente l’algoritmo di google relegherà alla ESIMA pagina dell’indicizzazione. Quella pagina che, guarda caso, vanno a spulciare quelli come te. Vedi com’è strana la vita alle volte.
Alla luce di tutto questo, adesso ti devo dire una cosa che ti sembrerà assurda. Tutte le volte che becco uno come te ( e lo becco prima o poi, vai tranquillo. Adesso ci sono tanti mezzi per rintracciarti su internet) succede sempre la solita cosa: cancelli tutto in fretta e furia, mi spari addosso mille scuse, e poi scompari con la bomba di fumo stile ninja. Ecco. Allora devi sapere che PUOI COPIARE TUTTO QUELLO CHE VUOI IN QUESTO BLOG. Veramente! Non è un problema. Basta che poi, se copi, tu metta un riferimento alla fonte, ovvero, un riferimento alla mia persona e al blog dal quale hai copiato il materiale. Niente di più. Solo un rimando a piè di pagina, un asterisco strategico, un link schietto. Insomma, non devo certo spiegare come si fanno certe cose a un copione come te, giusto?
Dai, Lo so che ce la puoi fare. Ho fiducia in te. Sei il mio numero uno, Bob. Il mio numero uno.
Vedi di capirle al volo certe cose che così ci risparmiamo le solite sceneggiate patetiche di te che ti sbatti per cancellare tracce, inventarti scuse idiote o peggio, provare a fare la parte dell’offeso perché ti ho beccato in castagna proprio come un bambino con le mani nel vasetto della Nutella. Sei grande ormai, non ti scavare la fossa da solo che rendi tutto ancora più triste. Sei il mio numero uno, Bob. Il mio numero uno!

Sei il mio numero uno, Bob.
 

Questa voce è stata pubblicata in Real Life e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Mi sono rotto il razzo – problemi di copyright

  1. Starfox Mulder scrive:

    Da una rapida ricerca vien fuori che è più frequente di quanto si immagini il furto di contenuti dai siti altrui. Aspetto con ansia il momento in cui accadrà a me per fare screenshot e tam tam mediatico!

    • Simone Guidi scrive:

      Sì. Lo sputtanamento mediatico sembra sia l’unica strada percorribile. Anche perché credo che legalmente ci sia ben poco da fare.
      Voglio dire: magari delle norme ci potrebbero anche essere, ma per farle rispettare ci sarebbe da buttare un bel po’ di euro in avvocati e perdere parecchio tempo con scartoffie e udienze senza avere alcuna garanzia di ottenere qualcosa.
      Ovviamente te lo dico così, A NASO, dato che la penultima volta che mi successe di scoprire qualcuno che aveva plagiato un mio articolo era il sito di UNO STUDIO LEGALE specializzato nella difesa del diritto del copyright. Vedi te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *