I fondamentali : vedi Space Invaders e poi muori

TEMPO DI LETTURA: 6 minuti

ws_Retro__Space_Invaders_1920x1200Corridori, qui si parla del gioco dal quale è iniziato tutto! Beh, magari non è esattamente così se si contano Pong, Space Wars!, o quel gioco di tennis raffazzonato che fecero con l’oscilloscopio.
Va bene, va bene, lo ammetto, NON è il gioco dal quale è iniziato tutto, però è sicuramente il gioco che ha reso grande l’industria dei videogames ed ha inaugurato quello splendido periodo di innovazione tecnologica e meraviglia adolescenziale che fu la Golden Age dei videogiochi.
La Golden che?!
Sì, dai corridori, quell’esaltante periodo che si collocò tra la fine degli anni ’70 e il 1985, in cui le sinapsi dei brufolosissimi si bruciarono a frotte tentando di battere un record.

giphy

Chè poi nel 1978, Space Invaders, oltre ad essere un gioco straordinario, ebbe anche il concreto culo di uscirsene sul mercato l’anno dopo che il mondo era stato preso a sganassoni fantascientifici dal buon Giorgino Lucas con le sue Guerre Stellari, e a calci nel popò dal compagnuccio di merende Spielberg con gli Incontri Ravvicinati Del Terzo Tipo.
Dopo che queste due bombarde deflaglarono nei cinema del globo, il pubblico divenne FAMELICO per tutto ciò che aveva a che fare con gli alieni, e l’elemento fortunato di Space Invaders era proprio questo: aveva un tema extraterrestre.

Hunting-Space-invaders

Nel buon nome di Dio e dell’America

Il nipponico Tomohiro Nishikado, sviluppatore del gioco, inizialmente avrebbe voluto qualcosa dove carri armati e aeroplani si scontravano, ma poi intervennero i capi (la Taito) e gli dissero: «していません!» che poi vuol dire «NO!» in giapponese, e lo pregarono caldamente di concentrarsi su qualcosa che non includesse obiettivi umani altrimenti l’avrebbero SBUZZATO con la katana.
Il buon Tomohiro si mise quindi a fare un sacco di prove e alla fine trovò la quadratura del cerchio con il tema dell’invasione aliena.
Tomohiro aveva 34 anni all’epoca, ed era l’unico responsabile per il gameply, la grafica e il sonoro, in pratica era una specie di one-man band tipo Bennato quando faceva Edo Rinnegato col kazoo e tutto.

tipo lui

Per farsi venire una buona idea si guardò un po’ intorno; oltre a Star Wars, in quel periodo i giochi dove si rompevano i muri con le palline andavano alla grande. Prese ispirazione da Breakout di Atari e dopo che ebbe lavorato a parecchie varianti, Space Invaders fu il risultato finale.
Per gli alieni Tomohiro si riferì a quelli de “La Guerra Dei Mondi” di H.G. Wells che aveva visto da bambino nel film del 1953, e creò inizialmente le loro immagini bitmap come fossero tanti polpi, calamari e granchi.

All’inizio pure il titolo era diverso; si chiamava Space Monsters, ma venne cambiato in Space Invaders da superiori di Tomohiro, quelli di prima con la katana ai quali non si poteva mai dire di no.

atari-space-invaders-astronaut-t-shirt-6

Ma paradossalmente per lui, il vero problema non fu il software bensì l’hardware estremamente limitato dell’epoca.
Poichè i microcomputer sul mercato giapponese non erano abbastanza potenti per permettergli di fare quello che voleva fare, Tomohiro dovette svilupparsi un hardware personalizzato per far girare il gioco. Si fece una mainboard ordinando dei nuovi processori 8080 provenienti dagli Stati Uniti e si dette un gran daffare. Il risultato fu ottimo al punto tale che la Taito, poi, riciclò quel circuito in ennemila giochini successivi.
Nonostante tutti questi sforzi, però, Tomohiro ANCORA non riusciva a programmare il gioco che voleva. La scheda ottenuta era sì figa, ma non abbastanza potente per visualizzare i colori o regolare accuratamente la velocità dei nemici. Così, programmando il gioco, si rese conto che gli alieni erano lenti perché il processore non riusciva a gestirli tutti quanti. Ma, oltre quello, cosa videro i suoi stanchi occhietti a mandorla? Man mano che venivano fatti fuori i nemici, gli oggetti da gestire sul video diminuivano e il processore, liberandosi del carico, acquistava progressivamente in velocità di elaborazione facendo sì che l’ultimo nemico fosse letteralmente veloce come una scheggia.
Tomohiro ci pensò su e disse: «オフファック!» che non ve lo dico cosa vuol dire perché è una roba di maleducazione, e piuttosto che riprogettare il gioco per compensare l’aumento di velocità, decise di tenerlo così com’era in modo che la cosa funzionasse da difficoltà implicita del gameplay.

 

Space Invaders venne rilasciato in Nippolandia in formato cocktail-table con grafica in bianco e nero. Venne poi dato in pasto al mondo in formato cabinet verticale, dove il video non era direttamente visibile ma lo si poteva vedere riflesso su una lastra di vetro con fondale lunare contro uno sfondo stellato molto space.

6108-SpaceInvadersCabinet

Sopra: piangete pure

Le artworks disegnate sul cabinato erano dei fighissimi mostri pelosi umanoidi, assolutamente non presenti nel gioco. Questo perché quando il lavoro venne commissionato all’artista che se ne occupò il gioco si chiamava ancora SPACE MONSTERS e il tipo andò d’intuito basandosi su quel nome lì.

spaceinvaders1

E siccome, al tempo, eravamo tutti un po’ più poveri fuori ma ricchi dentro, la Midway, che distribuì il gioco in iuesei, appiccicò allo schermo delle pellicole trasparenti colorate per simulare il colore che ai cabinati giapponesi mancava. Solo più tardi questa consuetudine cominciò ad essere praticata anche in Giappone per poi, infine, essere abbandonata quando finalmente furono implementati i display a colori.

tumblr_nhjlor74Zw1sxl3hoo1_500

Vedete corridori, Space Invaders fu quel megaciclopico successo che è stato perché introdusse i fondamentali del gameplay. Era un notevole progresso rispetto ai primi videogiochi, era un po’ più difficile, c’erano tanti nemici controllati dal computer, c’era il concetto di prima, seconda, terza ondata (wave) e così via, c’erano le vite e il tabellone coi punteggi più alti.
Quando uno si metteva lì ai comandi non è che giocava, nossignori, DIMOSTRAVA LA PROPRIA ABILITÁ. Non c’era un limite di colpi da sparare né un tempo prestabilito, si doveva solo sopravvivere. Le ondate di alieni sarebbero calate giù sempre più velocemente fintanto che il giocatore fosse stato abbastanza veloce per distruggerle e continuare a giocare.

retro3

Imprese eroiche

Mamma Atari costruì la fortuna della sua console 2600 quando decise di convertire il gioco per quella macchina. Nel 1980 rappresentò la prima licenza ufficiale di un gioco arcade per una console casalinga.

Sì, certo, non era uguale al gioco originale, dai, ma di sicuro sul 2600 è affettuosamente ricordato da tutti i giocatori cresciuti in quegli anni. Se possedevi un Atari 2600 negli anni ’80 non potevi non averlo, e la sua cartuccia avrebbe trascorso così tanto tempo nello slot che a un certo punto si sarebbe FUSA.

La conversione per 2600 era anch’essa un gioco rivoluzionario come l’originale. Atari la allegò alla console e la cosa ebbe tanto successo da quadruplicarne le vendite e diventare la prima vera Killer Application della storia video ludica. Sì, va bene, non era appariscente come Solaris, o unico come Yar Revenge, ma era divertentissimo da giocare. Aveva una vasta gamma di opzioni da settare in confronto al gioco medio per 2600. Si poteva scegliere di giocare con le barriere che si spostavano, con le bombe nemiche più veloci, o con gli invasori invisibili, insomma, era una vera figata mai vista prima.

tumblr_nf5gtu5PJm1rgojw1o1_500

L’impatto che ebbe sulla società fu devastante e andò a toccare praticamente tutti i tipi di media e merchandising.
Tra le molte cose, si favoleggia che in Giappone ci infilarono talmente tanti spiccioli dentro da toglierli dalla circolazione, e la zecca si dette da fare per ristamparli, ma resta il fatto che Space Invaders entrò prepotentemente nella cultura pop rimanendoci fino ad oggi.
Uscirono sul mercato diversi dischi ispirati al gioco.

Il beone destrorso di Martin Amis gli dedicò il titolo del suo discusso libro, e gli alienini del gioco sono diventati roba da street art e da t-shirt un po’ come la faccia del Che.
Insomma corridori, adesso non vi resta che giocarci a ‘sto gioco e poi potete fare quello che vi pare.

ECCOLO QUI

 tumblr_nflxspmlFg1qz8ui7o1_1280

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *