Star Trek Beyond di menare e saltare per aria. La rece senza spoiler

star trek beyondUno dei momenti più duri della mia vita di trekker è stato quando ho visto crossare per aria il capitano Kirk in sella a un KTM nel primo trailer ufficiale di Star Trek Beyond. Non so come esprimere al meglio quello stato d’animo senza tirare per forza in ballo la parola SCONFORTO®. È stata quella cosa che ti prende dentro e ti porta a pensare che non c’è più speranza, non ne usciremo mai, moriremo tutti male.
J.J. Abrams si era da poco prostituito a Star Wars quando arrivò la notizia che Justin Lin, regista di ben 3 (dico TRE) film di Fast and Furious, sarebbe stato il nuovo timoniere, e già qualcuno scherzava dicendo che il prossimo film sarebbe stato Trek and Furious o Fast and Trek. Anch’io, per la verità, in tempi ancora non sospetti qualcosa avevo subodorato, ma adesso, dopo aver visto Star Trek Beyond, posso dire che era inevitabile, Sig. Anderson, era inevitabile che si andasse a parare lì, perché ormai è così che si fa, ormai a Hollywood lo han deciso, e quando si parla di film blockbuster da centinaia di milioni di dollari si deve fare in questa maniera.
Adesso io vi dico cosa ne penso di Star Trek Beyond, e voi smettete di fissare il capitano Kirk che fa le penne nell’angolo in basso a destra del poster. Grazie.

Sì, d’accordo, la rivoluzione JeiJei ci ha scaldato il cuore, ma a tanti, compreso il sottoscritto, ha fatto bruciare il culo. Dell’omino regista JeiJei abbiamo ringraziato il primo film, abbiamo tollerato il secondo, e quando se n’è andato ci siamo rimasti un po’ così, come se fossimo stati sedotti e abbandonati da Manuel Fantoni.

La verità è che adesso mi trovo un po’ in imbarazzo nel dirvi che questo nuovo terzo film è forse il più Trek del nuovo corso, perché le aspettative all’indomani dei primi sciagurati trailer erano molto basse, e invece, cari i miei malfidati lettori, i trailer dovete dimenticarli, giuro, sono fuorvianti.

tumblr_nzcznstX8d1qiu5xgo1_500

Non ti vedo, la-la-la-la-la-la, non ti vedo

Vi dico subito le cose buone che potrete trovare in questo film:

1) Si regge sulle proprie gambe e non è assolutamente necessario aver visto i 2 film precenti. Se però avete dimestichezza con le serie TV è meglio, perché ci sono un sacco di rimandi alla TOS e alla serie ENTERPRISE. Cioè oh, il film ve lo godete lo stesso, tranquilli, ma se conoscete le serie vi potete fare le pippe mentali.

tumblr_inline_oaosp0zdHo1ts6f30_500

2) Dopo gli anni di oscurantismo razziale JeiJeiano, gli alieni tornano a farla da padrone in una produzione di Star Trek. Centinaia di razze, altrettanti costumi bizzarri e nuove fighissime uniformi della federazione invece di quelle tristissime di prima. Props come se piovesse, tecno-design degli ambienti e delle strutture da impazzirci. Siamo in una federazione multiplanetaria #santoddio , mica nel New Jersey a cercare di rimediare la giornata dentro a un Mall?!

3) Basta con la bromance esasperante tra Kirk e Spock, Star Trek non è soltanto quello. Anzi, avanti i comprimari che si riforma il trio inossidabile Kirk-Spock-Bones, e si dà finalmente spessore a Scotty che per due film di seguito ha fatto da carta da parati in sala macchine. Pure Sulu ha la sua parte di gloria con tanto di outing sulla sua vita privata. La rivincita dei comprimari sarà forse dovuta al fatto che la sceneggiatura è firmata anche da Simon Pegg (Scotty)? Boh? Sosega.

Star Trek Beyond†(2016) Left to right: Sofia Boutella (plays Jaylah) and Simon Pegg (plays Scotty)

Guarda, lì c’è un altro buco di trama

4) Buoni sentimenti e positivismo, tutto quello che finora JeiJei aveva accantonato a favore delle trame di palazzo e delle vendette trasversali. Qui si ritorna alle basi: uniti si vince, divisi si perde. Il bene vince (a suon di schiaffoni dati bene), il male perde (a suon di schiaffoni dati male).

tumblr_oaovcdAgUg1rvpu8lo2_1280

Dai retta, dagliene tante

E adesso, inevitabilmente, beccatevi le cose cattive:

1) Sceneggiatura divertente, sì, ma piena di buchi logici e, soprattutto, uber-semplicistica. Robe tipo: «Capitano, abbiamo bisogno di un piano per liberare la nostra gente». «Ok, eccolo: Io vado là e li distraggo mentre voi liberate tutti». «Grande piano Capitano!» Indovinate un po’ ? Loro vanno là e liberano tutti. GENIALE!

tumblr_nxaycu72bX1rkvl19o1_400

2) Momenti Fast and Furious oltre il livello di guardia, forse anche oltre i momenti Star Wars con cui JeiJei imperlava i suoi film. Mentre guardi ti aspetti che da un momento all’altro si possa unire alla rissa un Vin Diesel in canotta rossa. Addirittura c’è anche una scena che ricorda molto da vicino quella di Fast and Furious 6, guarda caso sempre di Justin Lin anche quello, in cui Vin Diesel salta da un’autostrada all’altra con la macchina e prende al volo la tipa prima che si sfracelli.

3) Movimento di camera Parkinson. Durante le scene concitate e le risse (che sono tante) si perde l’orientamento e non si capisce più cosa succede tanto traballa quella fottuta telecamera.

4) Caratterizzazione dei cattivi al minimo. I gregari del villain fanno più paura a vedersi che per quello che effettivamente fanno. Il mega-cattivone Krall invece è proprio piatto, da buon super-cattivo è una specie di cartonato di se stesso che serve a ricordare al pubblico che lui è proprio MALVAGIO dentro. Pure sul finale, quando si capisce il perché della sua malvagità, ci si resta male e scatta il vaffancuore.

Star-Trek-Beyond-Idris-Elba-e1450216516942

Concludendo, questo è forse il migliore film del nuovo corso di Star Trek, il corso nell’universo parallelo per intenderci, ed è paradossale che ce lo regali uno che fino a ieri faceva Fast and Furious. Ovviamente è un opera ben lungi dalla caratura dei film con l’equipaggio originale, ma purtroppo adesso il modo di fare è questo: quando ci sono centinaia di milioni di paperdollari nella produzione, la sceneggiatura deve essere a prova di demente, ergo, anche un demente vero, entrando al cinema, deve riuscire a capire il film  in modo che gli piaccia e possa chiamare tanti altri suoi simili, per questo motivo i film non dicono più nulla e ce li dimentichiamo nel giro di un mese.
Vedetevelo, ma non sognate lo Star Trek dei bei tempi andati, quello non tornerà mai più al cinema, adesso c’è questo qui. Spero molto nella nuova serie tv.

BADABUM!

giphy

Questa voce è stata pubblicata in Al cinema e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Star Trek Beyond di menare e saltare per aria. La rece senza spoiler

  1. Lorenzo scrive:

    Secondo me invece il peggiore di quelli nuovi, di ST ha solo il titolo. Ma come dici tu in chiusura, ormai è così: di conseguenza sto pensando di non andare nemmeno a vedere Ghostbusters settimana prossima 😀

    • Simone Guidi scrive:

      No, dai, non essere così drastico. Alla fine questi film intrattengono. Si entra in sala, si spegne il cervello e ci si fa trasportare via dagli scoppi e dalle cazzate. Finisce il film, si esce dal cinema e ritroviamo gli scoppi e le cazzate VERE. Alla fine forse sono meglio le cose che rimangono dentro al cinema, no?
      Tu devi andarli a vedere senza azzardare il paragone con gli originali. Se scatta il paragone sei finito. Schifi il tutto e stai male. Se invece lo vedi come se fosse il primo film di Star Trek o di Ghostbusters della tua vita, è capace ti garba pure e non desideri dar fuoco al cinema. È tutto nella tua mente. Ricorda Lorenzo: Il cucchiaio non esiste.

  2. nicola fiore scrive:

    comunque quel pezzo rock avrebbe ucciso chiunque,umani ed alieni, molto meglio il lamento assassino di MARS ATTACK

    • Simone Guidi scrive:

      Oooh, quello sì che trapanava. Sabotage dei Beastie Boys gli ha donato una morte violenta, è vero, ma forse non altrettanto dolorosa di come sarebbe stato con quel lamento. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *