Tagged: Alien

0

Le migliori conversioni cinematografiche per Atari 2600

Ci sono molte cose che si possono sbagliare quando si crea un videogioco. E molti modi per poterle sbagliare. C’è però un solo modo per sbagliarle tutte quante insieme nel peggior modo possibile. E quel modo, non ve lo sto neanche a dire, è E.T. di Atari. Milioni di tastiere sono state già abbastanza martoriate per descrivere questo increscioso avvenimento, il quale, nella memoria collettiva dell’atariano medio, è diventato sinonimo di disincanto e forse a maggior ragione, frustrazione. Quello stesso tipo di frustrazione che si prova quando qualcuno parcheggia davanti all’ingresso del garage e tu sai benissimo che se anche chiamassi i...

2

La sorpresa nell’ovetto : I Cugini Del Terribile stasera alle 19 su ATOM RADIO

Pur amando tantissimo il nostro amico alieno a 2 zampe, ci sono volte che ci fa disperare per la sua incontrollabile voglia di sfondare crani e fare pipì nel prato. Le piante, a causa dell’acido molecolare contenuto nelle sue urine, seccano completamente. Cosa fare a riguardo? La sterilizzazione aiuta molto in questo senso, ma occorre trovare qualcuno che abbia il coraggio di fargliela. I Cugini Del Terribile possono darvi questo e mille altri utili consigli per rendere la vita col vostro amico Alieno più tollerabile. Special Guest: OrediOrrore

5

Film sensati quando ti fai di morfina: ALIEN COVENANT

Hai mai avuto una colica renale? Io sì. Due volte. Ti portano in ospedale, ti sdaiano in astanteria (di solito su una barella) e ti schioccano una flebo a base di morfina mentre aspetti che ti sia passata, e tu resti lì tipo Renton di Trainspotting quando gli sale la botta, volando via lieve mentre abbracci un mondo senza dolore, in pace e armonia (chimica). Ecco. Io credo che se mi facevano di morfina avrei trovato la trama di Alien Covenant perfettamente sensata e robusta abbastanza da meritarsi un premio, però mi sarebbe dovuta venire una colica renale al cinema,...

5

Menare gli xenomorfi ai tempi di Reagan: ALIENS SCONTRO FINALE

Non succede spesso, lo so, ma qualche volta capita che si possa dire una battuta che si aspetta di pronunciare da molto tempo, magari anche con una certa enfasi. Non avete idea di quello che intendo, vero? Vi faccio un esempio:  se per un qualsiasi motivo, durante una conversazione, venisse fuori che le formiche 🐜 vi entrano in casa passando da sotto il lavabo, sarebbe poi così sbagliato reagire urlando: «Escono fuori dalle fottute pareti!» Ecco. Scommetto che ancora alcuni di voi non sanno di cosa sto parlando. Ma che vedo? Altri stanno annuendo! Bene. Vedo che alla fine ci capiamo. Nel...

3

Lo stupro interspecie e la sorpresa nell’ovetto : ALIEN

Si, bravi, però siate seri. C’è mai stata una serie di film di fantascienza migliore di quella di Alien? […] Ummh… Okay, forse qualche altra ce n’è stata, ma questo non impedisce che sia una delle mie preferite. Non so perché. C’è qualcosa di ipnotizzante in alcuni di quei film e, soprattutto, nell’universo che descrivono. Non riesco a dire esattamente cos’è, però, visto che l’11 di Maggio uscirà il supposto prequel, Alien: Covenant, ho deciso di capirlo meglio andandomi a riguardare il primo film di Ridley Scott, e…Oh, ragazzi…TIENE BOTTA! Tiene botta ancora oggi dopo quasi quarant’anni. Una roba che...

3

Che la luce sia! DARK STAR e il fatto che le bombe non dovrebbero mai citare l’antico testamento

Nel 1974, in Portogallo i colonnelli facevano la rivoluzione dei Garofani. Nixon si dimetteva perchè inchiodato dal Watergate. Le Brigate Rosse erano molto attive e Curcio veniva ingabbiato. Il Burlesconi cominciava a connettersi con la mente degli italiani da TeleMilano. Io me la facevo nel pannolone e la cosa mi dava parecchia soddisfazione. Dark Star, una commedia fantascientifica a basso budget di un giovane regista americano di nome John Carpenter arrivava al cinema. Viaggiando avanti di 40 anni nell’iperspazio, Dark Star ha raggiunto lo status di cult. Passando da millemila proiezioni a tarda notte su emittenti dai nomi imbarazzanti, è...

0

Le montagne della follia e tutti quelli che dovrebbero essere citati per plagio

Che H.P. Lovecraft ( accapì per praticità) fosse stato un tipo un po’ sfigatello è ormai cosa nota. Fondamentalmente era uno schivo disadattato, perennemente incline all’esaurimento nervoso. C’è da dire, però, che la sua poca fiducia in se stesso e nell’umanità tutta fu notevolmente aiutata da una consistente dose di sfortune e MALOCCHI che picchiarono duro sul suo capoccione e lo resero parecchio affine a Leopardi. Dopo questo velocissimo cappello, tanto per rincarare la dose, si deve anche ricordare che IN VITA non riuscì MAI a pubblicare un romanzo. La sua rivalutazione e il conseguente successo è stato tutto POSTUMO e...