Tagged: atari storia

2

La grande storia di ATARI GAMES

Essere una Atariano è come essere il marito di Cicciolina: c’è stato un tempo in cui te la invidiavano tutti, ma adesso non la riconosci più e devi periodicamente ricostruirle le pareti interne. Il problema di Atari è che ha fatto di tutto nel corso della sua vita; ha cambiato mille forme. La gestione pionieristica di Bushnell, quella rampante di Kassar, quella a risparmio di Tramiel, Namco, i tizi degli Hard Disk, Hasbro, WMS, e infine Infogrames. Le hanno messo le mani addosso tutti. T-U-T-T-I! L’azienda si è espansa, poi è esplosa, poi è collassata e fallita, poi è risorta...

0

L’ordine è un crimine. La rivolta è il bene : breve compendio ad ATARI ADVENTURE in vista del film tratto da Ready Player One

Col cazzo che nel 1979 ci si era dimenticati del fomento. I videogiochi sbarcano nei salotti dei giovani americani alimentandolo con titoli come questo Adventure, e fanno la storia, accidenti se la fanno. Negli USA tutti giocano ad Advanced Dungeon & Dragons e mamma Atari si ritrova protagonista di una rivoluzione che cambia e cambierà le aspirazioni ludiche di svariate generazioni a venire. I suoi programmatori sono gli alfieri di quella rivoluzione, sono le rockstar di quel megaconcerto, e non vogliono certo restare in disparte a guardare, anzi, cercano di emergere, cavalcare l’onda. Ecco perché è un buon momento per...

2

LA TEMPESTA PERFETTA : breve compendio ad ATARI TEMPEST in vista del film tratto da Ready Player One

Devo dire che registrare trasmissioni radiofoniche per Atom Radio è più scomodo di quanto pensassi – lo studio è piccolo, buio, senza aria condizionata, e il frigorifero è sempre vuoto.  Allora per tirarmi su di morale ho inforcato la Harley, riempito le bisacce di fumo, e solcato le lunghissime autostrade americane talmente a manetta che sono tornato indietro nel tempo, arrivando a Sunnyvale, California, dove si trovava Atari nel 1980. Proprio lì, una volta piantato il cavalletto, realizzo che l’innovativo videogioco TEMPEST di Atari è un tassallo fondamentale nella trama di Ready Player One, il romanzo di Ernest Cline, ed...

2

Trak ball Atari e signorine allegre che fanno la vita al CES del 1983

Un tizio si sveglia in una camera d’albergo e non sa chi è, perché è lì e come ci è finito. Non fosse per il fatto che è nudo, legato al letto con i cavetti di due Trak Ball, e accanto a lui riposa la pornostar Lisa De Leeuw, neanche voi lettori riuscireste a capire che è uno dei principale ingegneri Atari: Dan Kramer. Come logica conseguenza della perdita di memoria, Dan comincia a urlare robe tipo: « AIUTO! COSA DIAVOLO CI FACCIO QUI?» e così facendo sveglia Lisa e altri due troioni vestiti una da dominatrice Sadomaso e l’altra...

0

Kangaroo : ha telefonato uno di Atari e ha detto che rivuole indietro la sua dignità

Ok, sarò sincero. È da un po’ che non scrivo un pezzo su un vecchio videogioco arcade. Quello che ho fatto finora l’ho raccolto nella sezione RETROGAMES – Le cose che non sapevi e che ne potevi fare anche a meno, ma poi, preso dai film, dai cartoni animati, da Lucca Comics, Quelli che… I Videogiochi, I Cugini Del Terribile, dalle nerdate in generale, di articoli sui videogiochi vecchi non ne ho più scritti. Di questo me ne rammarico e in verità vi dico che sono anche un po’ morto dentro. Come ho fatto a trascurali in questo modo? Come...

0

Ray Kassar colpisce ancora: Easy to Learn, Hard to Master – The Fate of Atari

Non so se ci avete fatto caso (è una domanda trabocchetto così capisco chi non è un vero fan del blogghino e lo caccio fuori), ma quest’anno è caduto il 40esimo compleanno della console Atari VCS. Per festeggiare, noi Cugini Del Terribile con il supporto del Signor Santilio e dei Bit-elloni, abbiamo fatto un mese intero di programmazione a tema su Atom Radio, e addirittura uno speciale dedicato. Questo lo abbiamo fatto noi che siamo fan nel nostro piccolo. Chi è fan nel suo grosso, invece, lancia una campagna su Kickstarter per produrre l’ennesimo documentario e… Ci riesce raggiungendo clamorosamente...

0

La vecchiaia non è cosa per signorine : Buon Compleanno Atari 2600

A grandissima richiesta, torna il mese di Atari! Lo so cosa vi state chiedendo: Richiesta di chi? C’è mai stato un mese di Atari prima? Perché non un mese di Intellivision, allora? Oppure il mese di SuperNintendo, la settimana del Mega Drive, il giorno della PlayStation, il nanosecondo del Vectrex? Pochi discorsi, corridori. Settembre è il mese di Atari, punto e basta. Fatevene una ragione. Adesso concentratevi perché vi sto per dire una cosa importante: esattamente l’11 Settembre 1977, la console meglio ricordata di casa Atari veniva messa in commercio; si chiamava Atari VCS. Quest’anno l’Atari VCS segna il suo...

0

Buon Compleanno Atari 2600 : Il mese di Atari su Atom Radio

L’evento più atteso della storia è tornato, l’11 settembre 2017 la console Atari 2600 compirà quarant’anni, e nulla sarà più lo stesso. Chi sarà in ascolto su Atom Radio, e nello specifico chi sarà in ascolto ogni lunedì di quel mese alle ore 19, potrà avere il privilegio di sentire I Cugini Del Terribile che faranno il punto della situazione sulla storia di Atari. Cosa è stato, cosa è cambiato, cosa non va bene, di quante vasche idromassaggio dispone attualmente Nolan Bushnell, e quanto sia opportuno aspettarsi da Atari Box.

5

Lottare per la supremazia Videoludica : la prima console war fra Atari e Intellivision

Ah, la vecchia scuola dei videogiochi. Che bei tempi di pionieristiche scazzotate erano quelli, vero? Qui in Italia lo scontro tra titani avvenne a partire dal 1982, e almeno inizialmente i due colossi che si spintonavano erano l’Atari 2600 e l’Intellivison di Mattel. Ognuno di noi, ragazzini neanche tanto brufolosi, ha avuto un compagno di classe ricco o un cugino agiato in possesso di un Atari o un Intellivision, e se per caso questi due soggetti si incontravano per strada, la zuffa era assicurata. Entrambi sarebbero stati disposti a giurare sui propri parenti fino alla terza generazione ( tranne le...

0

Non ho paura dei computer, ma della loro eventuale mancanza : Atari Club Med

Ultimamente mi è capitato di scrivere diversi articoli sulla mai abbastanza compianta Atari, di seguirla nelle sue evoluzioni più del normale, e devo dire che per una volta che azzecca qualcosa di vagamente divertente (vedi Atari Box), ce ne sono altre tre che ti fanno rimpiangere il fatto che non sia più quella dei bei tempi andati. Seriamente! Questa cosa mi fa incazzare. Capisco che gli anni sono passati e Nintendo was the new, e Sony IS the new, però, Atari era davvero una società che si prestava a iniziative rivoluzionarie, spesso senza senso, è vero, però osava. E tra...

0

Gli spot forvianti di Atari nel 1982

Siamo nel 1982 e Atari vende videogiochi ai ragazzini. Fermiamoci un attimo a rifletterci su. Se sei un ragazzino nel 1982, deve per forza essere la cosa più figa della storia, no? Guardi le pubblicità e ti vengono di quelle cose in mente… Fai un giro nel negozio che li vende e rimani abbagliato dalle brochure, i poster, i cartonati… Accendi la televisione e vedi di quegli spot… Ma ehi! Chiunque tu sia, caro responsabile del marketing Atari, sappi che sei un grande e quando morirai ( e credo che adesso lo sia di già) andrai nel paradiso dei ragazzini...

4

Ataribox – Cosa aspettarsi : Affinita’-Divergenze fra il compagno Bushnell e noi

Di Atari, lo sapete, ve ne ho scritto parecchie volte sulle pagine del blogghino, ed è l’unico motivo per cui sono sicuro al 100% di ricordare quello che vi ho raccontato. Siccome verba volant, scripta manent; quando ne ho voglia posso fare una ricerca con chiave “Atari” e salta fuori di tutto: l’Atari parlata, l’Atari divertente, l’Atari delle cazzate, l’Atari inventata, l’Atari dei prototipi, ma mi venisse un colpo se andavo a pensare che sarebbe uscita una nuova console e ci sarebbe stata un’Atari di Ataribox. Tu vedi il caso, certe volte… Sembra proprio che toccherà ad Ataribox portare il...

0

Musica per i vostri occhi : Atari Video Music

«Vorrei ringraziare Dio, i miei genitori, il mio vocal coach, e Morgan che ha sempre creduto in me. Dedico questo premio ad Atari e a quando ha creduto che solo perché c’era la musica di mezzo si potesse vendere qualsiasi cosa» In ossequioso silenzio, indosso guanti di cotone e impugno delle lunghe pinzette metalliche per sfogliare le pagine di ART OF ATARI. Seduto nel piccolo studiolo della nostalgia scopro l’ennesima perla, e mi trovo oggi a parlare di ATARI VIDEO MUSIC, un congegno che apre la mente a diversi interrogativi, di cui uno è il principale: stiamo scherzando o il...

0

Atari Gotcha : le tette ti attirano, il gioco anche no

Dal diario segreto di Nolan Bushnell, data astrale: Luglio 1973. Trascrizione privata del consueto brainstorming con i ragazzacci del dipartimento Ricerca e Sviluppo. «Niente male le tette della nuova segretaria dell’ufficio acquisti, vero?» «Niente male. Ma è un’ora che fumiamo canne e stiamo sempre a parlare di figa. C’è nessuno qui che ha una buona idea per il gioco?» «La figa è importante, amico. Non sminuire la potenza della figa.» «Lo so. Ma mica possiamo sempre parlare di quella!? Abbiamo bisogno di nuove idee, di qualcosa di diverso» «E che ti devo dire? Sarà che la figa salta sempre fuori...

0

Orgoglio e Pregiudizio e Atari ReLOAD : Il regno di James Morgan (1983 – 1984)

E dunque siamo di nuovo qui, a spulciare la storia di Atari. L’inizio del 1983 vedeva El Ray caduto malamente, scivolato su una buccia di insider trading, e l’azienda da lui diretta fondamentalmente allo sbando. In Luglio Kassar venne CALDAMENTE consigliato a rassegnare le dimissioni e il suo successore fu velocemente identificato in James Morgan, vice presidente della Philip Morris fin dal 1978. Sì, avete capito bene, QUELLA Philip Morris delle sigarette. Ma perché si decise di rimpiazzare un presidente che vendeva calzini con un altro che vendeva fumo? Non si sa di preciso, in Atari, come sapete, succedevano cose...