Il contratto editoriale capestro: una simpatica tradizione