Tagged: datasoft

0

The Dallas Quest: L’avventura che convertiva Dallas nel simulatore di San Francesco

Non ero un fan di “Dallas” ma negli anni ’80 questa serie televisiva divenne un inevitabile fenomeno pop, onnipresente nella vita delle casalinghe di Voghera e, per decantazione, nella vita dei loro brufolosi figli. “Dallas” in sé non era altro che una soap opera interminabile su un gruppo di persone ricche sfondate dedite agli intrighi, le manipolazioni, e a trombarsi a vicenda da qualche parte nello stato del Texas  (non mi è mai stato chiaro in quale città). Nel 1984, il telefilm era diventato talmente popolare da meritarsi il successivo passo logico: essere trasformato in un videogames, possibilmente per Commodore...

6

The Goonies ‘r’ Good Enought : Un videoclip SPETTACOLARE, la WWF e Cyndi Lauper nella Rock’n’Wrestling Connection

Gli Incredibili anni ’80 sono stati un gran momento per essere ragazzini. Accaddero tante cose in quel decennio e non ci sono abbastanza parole per descrivere gli sconvolgenti effetti che ebbe il film “The Goonies” sui giovani imberbi (e ancora implumi) come lo ero io all’epoca. Non ci sono abbastanza parole dicevo, anche perché sono già state usate tutte dagli altri. Provate a guglare il titolo del film e vedrete che saltano fuori tipo UNO ZILLIONE di articoli tributo. Quello che invece nessuno ha ancora fatto è ricordarsi della sua colonna sonora, di quella ” The Goonies ‘r’ Good Enough ” dal...

Quando Bruce Lee menava (di brutto) Chuck Norris: Dal gioco della morte al gioco della Datasoft

Non so voi ma io, che sono un classe ’72, ho un ricordo molto vivido di chi era Bruce Lee e del fenomeno che era diventato. Pur avendo vissuto la fase dei kung-fu movies nella parabola discendente, quando si trascinavano zoppicando nei primi anni ’80, sono riuscito a percepire la grandezza del mito, ad ammirare la furia del dragone. Ho un’immagine di Bruce Lee mentre troneggia maestoso su di un poster attaccato in un classico salotto anni ’70. La foto era barbaramente ritoccata con dei falsi tagli sull’addome dai quali sgorgavano ettolitri di sangue. Nonostante quelle profonde ferite, però, Bruce continuava...