Tagged: disney

4

Mostrologia di Natale : I GREMLINS

Lo devo ammettere: i Mogwai sono sempre stati i pupazzetti che mi hanno affascinato di più nella storia del cinema. A livello di design erano una scommessa mica da ridere: una razza di piccole creature pelose simili a roditori, simili a koala, simili a primati, con grandi orecchie e tre dita tozze a mani e piedi. Il risultato fu eccellente, tanto più che, se mangiavano dopo mezzanotte, potevano anche mutare forma e trasformarsi nei temutissimi Gremlins! Dal punto di vista estetico non c’erano cazzi, e i Gremlins sono stati uno dei più grossi successi di tutti i tempi. Il cinema...

3

Disneyland Paris 2017 : Cosa trovare di Star Wars al momento

Vi ricordate tre anni fa? Ero a DisneyLand Paris e, di ritorno dall’esperienza, postavo sul blogghino delle cose molto buffe. Tipo che nelle camere degli hotel Disney manca il bidet e lo scopettino per il water, e se la facevi nutella ti ritrovavi con le mani nel cesso a ripulire dopo aver pagato un botto di camera. Beh, sapete cosa? Quest’anno, visto che ormai ho imparato come si fa, lo rifaccio. E a questo turno sarò così tecnologico che me ne sbatterò completamente di tutto il resto e mi concentrarò unicamente su Star Wars, perché nel corso di questi ultimi...

0

I Cugini Del Terribile E5 S2 TEASER – Vacanze su Scarif

  Fino a quattro/cinque anni fa, George Lucas era Dio. Era quello che aveva fatto la trilogia originale di Guerre Stellari (e dico Guerre Stellari proprio per sottolineare il fatto che sono un vecchio di merda), era quello che c’aveva riprovato con la trilogia prequel inimicandosi il 98% della popolazione mondiale ( e lo dico perchè io, tutto sommato, potrei anche stare nel restante 2% e suicidarmi socialmente), era quello sempre con le mani in pasta negli effetti speciali uber-belli e nei giochi della LucasArts, belli anche quelli. Soprattutto era l’artefice di qualcosa che, bene o male, piaceva a tutto...

7

Film invecchiati malissimo come i loro protagonisti : Navigator

E allora succede che ti hanno arrestato per rapina a mano armata l’ex teen-star di questo film qui, Joey Cramer, beccandolo intabarrato mentre tentava di svaligiare una banca nello stesso paesino dove lavorava come commesso. Questa sconvolgente notizia ti ha finalmente trasmesso l’input per schiacciare i tasti nel corretto ordine e imporre al mulo di tirare giù NAVIGATOR dal nuvolone dei poveracci. In pratica ti sei rimesso finalmente in pari con quella vecchia sfida autolanciata di quasi due anni fa. A posteriori, puoi dire che di Navigator, a 44 anni suonati, potevi tranquillamente farne a meno, ma eri veramenete curioso...

8

The Black Hole – il buco nero : Gesu’ Cristo vive qui

Qualche tempo fa ho avuto modo di parlare con una vecchia amica che mi ha chiesto: «Simone, ma a te cosa manca di più degli anni ’80?» Io c’ho pensato un po’ su e, omettendo di rispondergli con un prosaico «Le canne», ho invece optato per un più magniloquente «IL FOMENTO». Quel fomento tipico della gioventù per qualsiasi cosa di nuovo si palesasse all’orizzonte, e che poi spingeva i brufolosi a formare le gang dopo aver visto al cinema I Guerrieri della Notte, oppure a tirare i raudi in platea quando andavano a vedere RAMBO II. Avete capito cosa intendo?...

0

Di quando Toei copio’ Disney imparando bene la lezione : Il Gatto Con Gli Stivali

Al giorno d’oggi è davvero inconcepibile credere che un bambino possa essere cresciuto adorando adattamenti anime tipo Il Gatto Con Gli Stivali. Sul serio corridori, ce ne furono talmente tanti in quegli anni che molti di loro sono diventati iconici per un sacco di gente (vecchia). In ogni caso, come con GLI ALLEGRI PIRATI DELL’ISOLA DEL TESORO, ho un bel po’ di cosette da dire su questo film che, tengo a precisare, NON è un prodotto della Dreamworks, NON è un adattamento fedele della fiaba del Gatto con gli stivali, e NON è uno spin-off di Shrek. La fiaba originale...

2

Taron e la pentola magica : il primo film d’animazione horror della Disney

La produzione Disney aveva tutto: fisico, allenamento, esperienza.  La produzione Disney era un atleta olimpico rodato e plurimedagliato, avvezzo a correre e vincere nelle principali competizioni di livello internazionale. Per questo motivo quando mise in cantiere il suo venticinquesimo classico sembrava dovesse essere l’ennesima formalità da sbrigare, una gara dove l’impegno maggiore sarebbe stato quello di incassare il gettone di presenza. Forte di un budget di 44 milioni di cucuzze dollarose, la produzione Disney affrontò l’impresa come se dovesse vincere la corsa all’oratorio, senza mordente, con supponenza, scialla. Fu così che dopo pochi metri si ritrovò a pestare una bella...

2

Pallottole su Disneyland Paris: Intanto Berlino sta 10 anni avanti, e Parigi almeno 5

C’è un momento nella vita in cui un uomo prende coscienza della propria individualità e dei propri limiti. C’è un momento in cui si capisce di essere realmente troppo vecchi per continuare a dire di no a priori, e negare l’evidenza che sì, in fondo quella certa cosa ti piacerebbe anche a te e magari questo è proprio il momento giusto per farla. Cos’altro fare sennò? Rimanere in casa ad avvilirsi aspettando che arrivino gli 80 euri al mese e “The walking dead” riesca finalmente ad ingranare? Delle due cose forse è più probabile la seconda, ma siccome mancano 2...

0

I fumetti di Star Wars: Le Guerre Stellari di Marvel nel 1978 e lo scippo Dark Horse

Reduce dalla scorpacciata di panettone e Star Wars che la beneamata SKY mi ha dato l’opportunità di portare a termine, stamattina mi guardo allo specchio con l’occhio iniettato di sangue di uno che deve ricominciare a lavorare e vuole capire cosa gli resterà delle ferie appena trascorse. A parte 2 chili e mezzo di BUZZA, mi è rimasta una gran voglia di George “Paperon de’ Paperoni” Lucas e di quelle sacrosante Guerre Stellari della prima trilogia, quelle belle-belle, quelle che si chiamavano proprio così, appunto, GUERRE STELLARI e basta. Allora mi torna in mente che in mansarda c’è sempre quel...

0

Disney si compra Lucasfilm : Trovo insopportabile la vostra mancanza di fede

L’IMPERO HA VINTO e si è comprato la ribellione. Il caro Beniamino Cancelli (meglio conosciuto come Bill Gates) ha fatto scuola e all’insegna del motto: “Se non puoi batterli, comprali”, la Disney si è fagogitata Lucasfilm. Ora voi direte: è un bene? È un male? Si, NI, ma anche NO. A parte il fatto che in molte recenti foto George Lucas è indistinguibile dai pupazzi che lo circondano, è evidente che mister barbetta si senta un pochino stanco e abbia deciso di spendere gli anni che lo separano dal momento in cui un grumo di pastrame gli occluderà le arterie...

2

Buckner & Garcia: Una boiata ti rendera’ ricco

I videogiochi, nei primi anni ’80, innescarono una vera e propria rivoluzione culturale. La gente correva nelle sale giochi con le tasche piene di spiccioli e ne usciva completamente alleggerita, con gli occhi rossi e gli abiti puzzolenti di fumo. C’erano poi quelli che in sala il fumo ce lo andavano a comprare, ma questo è solo un inutile dettaglio. Stavo dicendo che la venuta di un nuovo videogioco rappresentava un vero e proprio evento, roba che talvolta ne parlava perfino il telegiornale, con un Paolo Frajese buonanima ancora bello, pimpante, e in alcuni casi (rari) sorridente. In mezzo a...