Il Piccolo Grande Mago Dei Videogames: La recensione cinicamente motivata