Andrea Dipre’: Se il mondo fosse chiaro, l’arte non esisterebbe