Ma poi ho camminato tanto: Per il potere di grayskull di Alessandro Apreda, la recensione