I LANGOLIERI : una recensione senza reggiseno