Tagged: Space Invaders

0

La verità, vi spiego, su Mr.Do!

Nel 1979, alla Universal sognano di guadagnare tanti bei soldoni profumati come i regaz di Taito. Per rendere questo sogno possibile si avventurano nel nascente mercato dei videogames partendo da una buona posizione nel mercato dei pachinko. Prendono dei cabinati e ci infilando dentro cose, tra cui anche un clone di Space Invaders chiamandolo Cosmic Alien. Tre anni dopo, nelle sale giochi di tutto il mondo si possono trovare vari cabinati della Universal; forse ancora quello di Space Panic; qualche cabinato di Lady Bug; ma sicuramente almeno uno di Mr. Do! che è quello che sta vendendo un botto e...

5

Lottare per la supremazia Videoludica : la prima console war fra Atari e Intellivision

Ah, la vecchia scuola dei videogiochi. Che bei tempi di pionieristiche scazzotate erano quelli, vero? Qui in Italia lo scontro tra titani avvenne a partire dal 1982, e almeno inizialmente i due colossi che si spintonavano erano l’Atari 2600 e l’Intellivison di Mattel. Ognuno di noi, ragazzini neanche tanto brufolosi, ha avuto un compagno di classe ricco o un cugino agiato in possesso di un Atari o un Intellivision, e se per caso questi due soggetti si incontravano per strada, la zuffa era assicurata. Entrambi sarebbero stati disposti a giurare sui propri parenti fino alla terza generazione ( tranne le...

0

Un’emozione da poco (200 lire) : [Podcast] Sala giochi anni 80. La golden age dei videogiochi —

I Cugini Del Terribile Podcast SALA GIOCHI ANNI 80 – LA GOLDEN AGE DEI VIDEOGIOCHI   I Cugini Del Terribile e Marco Marabelli ricordano i bei tempi delle sale giochi e chiariscono una volta per tutte l’annosa questione della Golden Age dei videogiochi. A metà podcast prende vita una bizzarra creatura denominata BUTTAMARA. Stay Tuned for more Terrible’s Cousins.

2

Un’emozione da poco (200 lire) : Sala giochi anni 80. La golden age dei videogiochi

Quest’estate, durante la registrazione del podcast su Defender con Starfox Mulder, ebbi modo di accennare alla golden age dei videogiochi. Quando lo feci, Starfox rimase un po’ così e poi disse: «Eeeh. Che poi dovremmo un attimo precisare cosa si intende per golden age dei videogiochi…». Io, lì per lì, non l’avevo capita. Per un anziano della mia anzianità quando si parla di golden age dei videogiochi si può intendere solo e unicamente quel periodo storico che va dalla comparsa di Space Invaders a, circa, toh, il 1985. E invece sembra proprio che mi stia sbagliando. Cercando sull’internet ho scoperto...

0

I fondamentali : vedi Space Invaders e poi muori

Corridori, qui si parla del gioco dal quale è iniziato tutto! Beh, magari non è esattamente così se si contano Pong, Space Wars!, o quel gioco di tennis raffazzonato che fecero con l’oscilloscopio. Va bene, va bene, lo ammetto, NON è il gioco dal quale è iniziato tutto, però è sicuramente il gioco che ha reso grande l’industria dei videogames ed ha inaugurato quello splendido periodo di innovazione tecnologica e meraviglia adolescenziale che fu la Golden Age dei videogiochi. La Golden che?! Sì, dai corridori, quell’esaltante periodo che si collocò tra la fine degli anni ’70 e il 1985, in...

0

L’invasione degli Space Invaders: Lo Zen e l’arte di giocare ai videogiochi

L’amico Santellocco te la butta lì con nonchalance: «Che mi dici de ‘L’invasione degli Space Invaders’, di Martin Amis, recentemente tradotto?» Forse potevi rimanere indifferente di fronte al fascino retrò di un titolo del genere? Naaa. Un libro con un titolo così ti incuriosisce a prescindere. Allora gugleggi il nome dell’autore e ti viene fuori che è un peso massimo della letteratura postmoderna inglese. Cioè, questo non è mica uno SCARAMACAI come Ernest Cline, eh?! Questo è uno che bazzica nei salotti buoni e si mette anche il gessato con la cravatta, mica va alle convention di fantascienza con la...