The Walking Dead S4: Dal Comic-Con il trailer, la puzza di morto e tanto ammore

TEMPO DI LETTURA: 2 minuti
comic-con-2013-the-walking-dead-unleashes-gut-wrenching-for-season-4

Ecco Rick che…Uh…punta la pistola

È ufficiale, Rick Grimes dopo aver passato tutta la prima stagione a puntare la pistola e scappare, tutta la seconda stagione a puntare la pistola e urlare, la terza stagione a puntare la pistola e piangere, in questa quarta stagione che ha da venire sorprenderà tutti dando una svolta decisa al suo personaggio. Robert Kirkman ha infatti deciso di rompere nettamente con il passato e prendere in contropiede gli spettatori più attenti. Per questo motivo Rick, questa volta, punterà la pistola e BASTA. Che ci pensino gli altri a scappare, urlare e piangere, ché adesso nella prigione c’è mezza Woodbury con un fracco di personaggi anonimi ad alto tasso di sacrificabilità.
Intanto, giusto per scaldare gli animi e incentivare i più a stipare la birra in frigo e fare scorta di pop-corn, ecco il trailer che anticipa la nuova stagione, direttamente dal Comic-con di San Diego. Quattro minuti e rotti di novità, belle calde-calde, fatte ora (Signor Perozzi)

Ovviamente con la trama ormai non ci capisci più un beneamato. Adesso, nel serial televisivo tutto il mondo sopravissuto pare rinchiuso nella prigione, mentre nel fumetto l’avventura era già migrata altrove da mo’, in cerca di nuovi lidi più areati e ventilati, dove, tra l’altro, era una vera soddisfazione centrare la testa di uno zombi da 100 metri di distanza, ma tant’è. Robertone Kirkman sembra contento di come gli stanno andando le cose e continua contare i paperdollari. Finchè questa cosa non avrà soluzione di continuità, il nostro ciccio-bombo scrittore di fumetti horror preferito potrà continuare a fare il cannoniere.

Il ciccio-bombo cannoniere

Intanto lo spacciatore di fumetti truculenti ti informa che in settimana la SALDAPRESS rilascerà sul mercato anche il 15esimo volume della raccolta, dall’inquietante titolo “Ritrovarsi”.

Dipende da chi

Dipende da chi

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *