Una Trasmissione Di Synthwave su Atom Radio

TEMPO DI LETTURA: 1 minuto

Ah, la SynthWave! Voi non avete idea di quanto fossi emozionato al sol pensiero. Vi rendete conto? La Synthwave in una puntata dedicata di Una Trasmissione Di Nerda su Atom Radio. Ci ha pensato il nostro Bionic Cummenda: una garanzia umana che nonostante i suoi 120 anni portati benissimo non ha mai sbagliato un parcheggio in tutta la sua carriera e anzi, alcuni gli sono venuti fuori come autentici capolavori. Un maestro. IL Maestro. Dopo il suo pellegrinaggio a Tokyo in cerca di Shigeru Miyamoto aveva detto che s’era rotto il cazzo del retrogaming e voleva andare in pensione. Voleva solo andare a pesca e ingrassare, diceva, incassando i lauti assegni delle sue innumerevoli consulenze come parcheggiatore. Si. Certo. Giusto qualche pausa ogni tanto per una rapida incursione sul blog de I Bit-elloni e poi via, verso mete più goderecce tipo la Thailandia, Cuba, Cesenatico.
E invece, no. Così, dal nulla, ecco che ti ritorna sulle frequenze di Atom Radio con un puntatone tutto Synthwave e citazioni anniottantare.
Ma prima di concludere: come va? Come procede la settimana? Non ve lo chiedo mai e magari pensate che sono un maleducato… Avete già fatto progetti per stasera? Io sì. Mi ascolto il Podcast di Una Trasmissione Di Nerda dedicata al Synthwave con tutte le citazioni del caso. Ascoltate la puntata numero 28: Retroapocalypse 199X

Simone Guidi

Uomo di mare, scribacchino, padre. Arriva su un cargo battente bandiera liberiana e si installa nel posto più vicino al distributore di merendine. Nel suo passato più o meno recente ci sono progetti multimediali falliti in collaborazione con Makkox, progetti multimediali falliti in collaborazione con falliti, tre libri scritti in collaborazione con se stesso ma non ancora falliti. Atariano della prima ora, gli piace molto giocare ai giochini vecchi e nuovi. Tutte le notti guarda le stelle e aspetta che arrivino gli UFO.

You may also like...

3 Responses

  1. Ste84 ha detto:

    Gran bella puntata! Mi fa molto piacere che se ne parli anche qui, io ho “scoperto” la synth (nel senso che mi ci sono appassionato) proprio questo inverno dove The Midnight e Timecop1983 in particolare hanno imperversato senza sosta nelle mie playlist, oltre ai vari Com Truise, Carpenter Brut, VHS Glitch, ecc. Il tutto per la gioia di mia moglie che si è presa una pausa dai miei soliti ascolti invernali a base di black metal e marciume vario! 😀

    • Simone Guidi ha detto:

      Il mio amore per la Synthwave, invece, è iniziato l’estate scorsa quando, grazie a un mega paio di cuffie super tecnologiche, mi sono ritrovato ad ascoltarla su youtube a notte fonda. Scoprii The Midnight e, soprattutto, i Gunship dei quali mi sono innamorato follemente. In autunno carezzai anche il sogno di comparire in un loro video e proposi di fare una scena congiunta a Giacomo Lucarini ma egli, ignaro della grande occasione capitatogli, decise di ammollarmi un bidone clamoroso. Alla fine il video della canzone uscì e noi non c’eravamo. Sono triste tutt’oggi. Ecco il video:

      • Ste84 ha detto:

        Noo che beffa, se entravate nel video diventavo anche io un fan dei Gunship solo per questo! Lo dico perchè ti devo confessare che in realtà non mi hanno mai conquistato del tutto, forse me li devo ascoltare meglio. La scintilla che è scattata a me è tutta merito di Timecop1983 che rimane in assoluto il mio preferito (il suo ultimo Night Drive è assolutamente pazzesco) e dei The Midnight. Poi vado matto per i Nowtro che purtroppo non hanno prodotto molto materiale, il Maestro Carpenter, Com Truise e FM-84. Ma in realtà poi, qualsiasi compilation synth che metto sul tubo finisce per piacermi tutta tranne le robe eccessivamente tamarre e aggressive, a me la synth piace soft. In un momento di follia avevo anche iniziato a informarmi per prendere dell’attrezzatura di base e iniziare a fare synth da me… per fortuna che mi sono fermato in tempo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *