ZAP! The Rise and Fall of Atari

La caduta degli Dei

Finalmente, dopo lunghe tribolazioni e sofferenze indicibili ho ultimato la traduzione in italiano di “ZAP! The rise and fall of Atari (1984 Edition)”.
Un libro un po’gagà che illustra, in formato bignami, la parabola della più grande azienda videoludica che la mia memoria di ragazzino brufoloso anniottantaro ricordi.
Se qualcuno si domandasse chi me l’ha fatto fare, è bene che sappia che tutto è stato fatto per preservare e trasmettere la conoscenza, nonché contribuire attivamente allo sviluppo della comunità dei RETROGAMERS, incentivare la rottamazione del vecchio parco macchine e perfezionare una cura definitiva contro il pulcino Pio.
Per averlo non dovete fare altro che lasciarmi un commento qui sotto, e io vi spedirò un mirabolante ZIP con dentro la versione PDF ed EPUB.
Adesso me ne lavo le mani, perché ritengo di aver fatto il mio dovere.
Voi leggetelo sull’aiJobs o sul PC, stampatevelo e fatene tante piccole barchette.
Semmai, se il libricino fosse di vostro gradimento, segnalatelo e diffondete il verbo tra chi ritenete degno. Per i perfettini che avessero da criticare la traduzione; peste li colga.
Forse, ma un “forse” GROSSO COME UNA CASA, potrei fare un’operazione di “porting” sulla piattaforma sfigata Kindle.
Ma per il momento tutto il resto è noia.
Tenchiuverimac.

Per gli anglofoni e quelli che si atteggiano a tali, QUI potrete scaricare la versione originale in PDF.

132 Responses

  1. Fabio Peroni ha detto:

    Sarebbe una piacevole lettura… per retro informatico come me 🙂

  2. Cristiano Bei ha detto:

    Grande! Non vedo l’ora di leggere tutto di un fiato il tuo lavoro di traduzione! Regards From St@ff IoCero.com

  3. Grande impresa! Non vedo l’ora di ricevere il mirabolante zip del libro gagà.

  4. Simone, eccoti il mio commento entusiasta per il tuo sforzo encomiabile.
    Ho giusto appena terminato di legger quest’opera reperita recentemente che rappresenta un “must have” per tutti gli appassionati di storia informatica.

    Grande mancanza nel panorama editoriale italiano l’assenza di una traduzione ufficale dopo tanti anni arrivi tu a metterci una pezza…. e di questo non possiamo far altro che renderti omaggio e ringraziarti.

    Grande lavoro! Un abbraccio

  5. The rise and fall of Atari mi ricorda un altro “The rise and fall”: quello di Commodore.

  6. Alessandro Gerelli ha detto:

    Complimenti per l’iniziativa! avevo proprio intenzione di leggerlo in inglese, ma a questo punto preferisco l’italiano! 😉

  7. Luca Zoia ha detto:

    l’inglese lo dierisco poco… mi piacerebbe la versione italiana… thanks

  8. Grande Guido Simoni…pardon!: Simone Guidi! Anche narratore e romanziere (nei prossimi giorni comprerò alla IBS di Via Nazionale a Roma, oppure su IBS Web, i tuoi due libri…molto curioso di leggerli…poi seguirà recensione sul mio blog). Bella cosa questa traduzione, ài dont sii d hauar tu riid it tugheter uìf d original tecst! Send it tu mi es suun es possibol, pliss! Bài bài!

  9. andrea ha detto:

    wow … ce ne vorrebbero molte di piu’ di queste iniziative. La mia “carriera” da nerds amante dei videogiochi l’ho iniziata proprio con un VCS 2600. Mi piacerebbe immergermi nella lettura di questo libro.

  10. Maurizio ha detto:

    Ciao Simone,
    anch’io over 40 senza Porche (mi accontento di una umile Dedra :-D)
    Naturalmente nutro molta curiosità per questa tua traduzione….

    Ottimo lavoro!

  11. Silvio ha detto:

    Ciao Simone,
    anche io come gli altri non vedo l’ora di leggere questo libro finalmente tradotto in Italiano grazie ad una tua iniziativa.
    Che dire, grazie per lo sforzo e la tua disponibilità a condividere il tuo lavoro.

  12. Roberto ha detto:

    Ciao Simone, meritoria sicuramente la tua fatica di traduzione! Attendo il pdf con impazienza, e grazie
    Ciao
    Roberto

  13. Marina Belli ha detto:

    Ciao, me lo invieresti?
    Grazie mille 😉

  14. the Joker74 ha detto:

    Spero di essere ancora in tempo per richiedere il file zip, grazie =)

  15. Spock ha detto:

    Una grandissima idea e un lavoro davvero meritorio! Non vedo l’ora di leggere il libro …

  16. Stefano ha detto:

    Ciao Simone. Davvero complimenti per il lavoro!! Da appassionato di retrogaming e retrocomputing, non vedo l’ora di leggermelo.
    Quanta nostalgia per quegli anni……
    grazie!

  17. R. CAl. ha detto:

    Mi piacerebbe molto leggere questo libro sugli albori dell’Atari.
    Aspetto con trepidazione.
    Un saluto e un ringraziamento.

  18. SuperFabio ha detto:

    E io lo scopro solo ora? O__O Grande lavoro per un’opera fondamentale sulla storia del settore!

  19. Salvo ha detto:

    Ciao Simone, sono un appassionato di retrogaming e non vedo l’ora di immergermi in questa magnifica lettura….grazie in anticipo e complimenti per il lavoro svolto…..

  20. Gianluca ha detto:

    Salve Simone,potresti mandare anche a me lo zip in italiano? Hai per caso in mente di tradurre qualche altro libro sul retrogaming? A presto,
    by Luca.

  21. Marco ha detto:

    Ciao Simone!
    Complimenti per l’impresa della traduzione, zippami il libro un po’ gagà, in italiano.
    Grazie

  22. Fabio De Renzis ha detto:

    Bella iniziativa,mi unisco al coro di richieste! Sono davvero curioso di leggerlo!

  23. Giosuè D'amico ha detto:

    Fantastica iniziativa!! io te ne sono molto grato. grazie per averlo tradotto.

  24. Maurizio ha detto:

    Ciao sarei interessato a leggermi la traduzione del libro in italiano. Me lo puoi inviare lo zip?

  25. Marco ha detto:

    Me lo leggerò estremamente volentieri! 😀

  26. Max ha detto:

    Ciao Simone!
    complimenti per l’impegno, se me lo mandi lo leggo volentieri.
    Ho +/- la tua età e mi interesso -tra le altre 1000 cose- di retrocomputing e storia informatica; conosco abbastanza le travagliate vicende Atari ma sicuramente troverò ancora molto da imparare 🙂
    Come diceva Spock, live long and prosper ai grandissimi Bushnell e Alcorn! 😉

    • Simone Guidi ha detto:

      Te lo mando con piacere. Come già accennato il libro è un po’ gagà, nel senso che tratta la vicenda con uno stile molto soap. Per intenderci: se fosse una trasmissione televisiva sarebbe una telenovela di quelle con il FLOU dall’inizio alla fine. Cmq ci puoi trovare diverse curiosità e eneddoti apprezzabili. Stammi bene 🙂

  27. francesca ha detto:

    forte!sto cercando in rete e questo fa al caso mio…mio marito è appassionato di retrogaming…questo fa al caso suo… cosi poi gli manca solo l’atari 5200!!!!

  28. Alessandro ha detto:

    Ciao, mi occupo di storia e storiografia del videogioco, e cercando questo libro in rete, sono capitato qua! Mi farebbe molto piacere poter leggere la tua traduzione, perché è uno di quei libri introvabili anche in cartaceo, leggerlo in italiano poi sarebbe veramente un sogno! Grazie ^_^

    • Simone Guidi ha detto:

      Te lo spedisco volentieri. Ricorda però che ‘sto libro ha subito diversi rimaneggiamenti nel corso del tempo, questo perchè l’autore ha pubblicato nuove edizioni in conseguenza del cambio di casa editrice. Questa è la prima versione, quella del 1984. Ciao-ciao

      • Simone Guidi ha detto:

        Uno dei rimaneggiamenti a cui mi riferisco sono la scomparsa dei riferimenti ai laser-games e i robot domestici come futuro dell’industria video ludica, più altre varie correzioni che l’autore ha fatti in giro per il libro. Questo è avvenuto quando il libro è stato ripubblicato, a inizio anni ’90 con la casa editrice xlibris. Adesso se non sbaglio siamo alla terza versione che l’autore vende in autonomia, scaricabile on-line. Ciao-ciao

  29. FelixCat ha detto:

    Mitica Atari
    Questo libro lo leggerei molto volentieri.
    Per fortuna qualcuno ha pensato alla traduzione.

  30. Andrea Soloch ha detto:

    Non vedo l’ora di leggere questo capolavoro.

  31. Francesco ha detto:

    Innanzitutto ti faccio i miei complimenti per il tuo sito (ne ho visti tantissimi ma questo è sicuramente uno tra i migliori). Detto ciò mi farebbe molto piacere leggere questo libro. Un saluto, Francesco 😉

  32. Antonio ha detto:

    Mi piacerebbe parecchio leggerlo

  33. Jimma ha detto:

    Bello!Complimenti! Io ho scoperto da poco questo sito….37 enne grafico, retrogamer e futuro “weecader”…spero di poterlo ricevere quanto prima!
    Grazie.

    Alessandro “jimma”

  34. Piergiorgio ha detto:

    Non vedo l’ora di leggermelo… Un Italianofono come me non può che dirti grazie per averlo tradotto!

  35. ANDREA ha detto:

    Ho letto la storia della Commodore e ora sono bramoso di leggere quella, dell’altrettanto storica e mitica, Atari!

    Se me lo invierai farai un altro nostalgico vecchietto felice 🙂

  36. Enrico Pasotti ha detto:

    Bazzicando per la Rete in cerca di libri sui viggì (mi sono appena comprato Revolutionaries at Sony), sono incappato nella tua mirabolante impresa di traduzione. Ho scaricato la versione da angolofono gnègnè, ma se mi giri quella in italiano è meglio ^__-

    Denghiu!

  37. thorfinio ha detto:

    Ciao, mi piacerebbe molto poter leggere la tua traduzione di questo interessantissimo libro. Grazie 1000!

  38. Wiz ha detto:

    Leggo sempre volentieri qualcosa del genere prima di andare a letto, grazie! 🙂

  39. CyberPaul ha detto:

    Ciao,
    mi farebbe davvero piacere ricevere la versione in italiano, visto che sono anche io un nostalgico ex videogame maniaco e dell’epoca in cui Atari era sinonimo di videogame.
    Attendo fiducioso.
    Many Thanks

  40. morgan ha detto:

    mi farebbe piacere leggerlo

  41. Antiriad ha detto:

    Ciao, appena scoperto il blog! Anche per me sarebbe una piacevole lettura! Grazie 😀

  42. Simone Guidi ha detto:

    Stasera ti accontento Antiriad. Porta un poco di pazienza 😉

  43. Michele ha detto:

    Ciao!da retrogamer sono capitato qui un pò per caso…se hai ancora sottomano versione tradotta,mi faresti un enorme piacere.ancora complimenti e grazie per le piacevoli ore che ho passato leggendo un pò di tutto!

  44. Nano ha detto:

    Davvero un bel sito, complimenti! Un bel salto indietro nel tempo che fa piacere a noi vecchietti 😉 Grazie in anticipo per il libro, appena puoi.

  45. Fred ha detto:

    Salute, mi sembra una lettura assolutamente imprescindibile per mettere ordine nella caotica struttura pop della mia identità 😉 Grazie per il tuo generoso contributo!

  46. Alexandre Mattei ha detto:

    Salve,
    ho da poco deciso di miglorare la mia collezione Atari quindi quale modo migliore per approfondire l’argomento.
    Ho letto la versione originale ma la mia conoscenza dell’inglese non è tale da cogliere tutte le sfumature del caso.
    Quindi un grazie per aver tradotto il libro e per la condivisione.
    AM

  47. duke123 ha detto:

    Ciao. Io avevo un commodore 64 ma il libro dell’ “atari magari” lo leggerei volentieri 🙂

  48. Maurizio ha detto:

    Ciao! E’ ancora valida l’offerta per la traduzione? 🙂

    ciao!

  49. mirko ha detto:

    mi piacerebbe davvero leggere il libro, da ragazzino avevo un 800xl, adesso è in cantina ma ancora funzionante!

  50. Giovanni ha detto:

    Curioso di leggerlo!

  51. Michelangelo ha detto:

    Ciao Simone, complimenti per il tuo meraviglioso blog, che ho scoperto da poco! Mi manderesti la copia della traduzione del libro? Continua così!

  52. Starfox Mulder ha detto:

    Hola, sono ancora in tempo per accodarmi alla lettura?

    • Simone Guidi ha detto:

      Certo che sì, FYI la puntata di questo mese de I CUGINI DEL TERRIBILE sarà dedicata alla storia di Atari. Se ti interessa aspettala su questo blog, se non te ne importa gran che, dillo agli amici

  53. Danilo ha detto:

    Complimenti per il gran lavoro! Ho conosciuto il tuo sito e il podcast I Cugini del Terribile grazie a Gianluca Santilio e ho già scaricato gli episodi su Atari, che ascolterò presto. Inutile dire che bramo di leggere il libro su Atari 😀

  54. Riccardo ha detto:

    Mi piacerebbe molto poter avere la traduzione e farmi una bella cultura sul mondo Atari!
    Meno male che c’è gente come te che si sbatte per le traduzioni! Grazie mille!!!

  55. Giovanni Panariello ha detto:

    Ciao, posso avere il libro tradotto in pdf?? Grazie 1k.

  56. Maurizio ha detto:

    Ciao è possibile avere il libro tradotto? 🙂

  57. Hari Seldon ha detto:

    Ciao Simone,

    sto ancora esplorando le decinaia di centine di cose che hai sul tuo sito, complimenti! La storia di Atari l’ho letta in tutte le salse, mai con l’effetto flou anni ’90 però.

    Da adoratore sessantaquattrista ho il cuore cronico per il retrogaming, quindi leggerò la traduzione tutta d’un fiato.

    Grazie per l’iniziativa, sei un grande!
    Massimiliano.

  58. Luca ha detto:

    Ciao, ho appena scoperto il tuo blog, per farlo sono dovuto passare dai PODcast che ho scoperto sul mio stereo ? Vabbé le vie di internet sono infinite sembrerebbe, da vecchio ex Atari 520ST mi piacerebbe molto leggerlo anche se mi diverte molto leggerti e ascoltarti su blog e podcasts.
    Ciao

    • Simone Guidi ha detto:

      Ciao Luca, tu non lo sai ma l’intento de I CUGINI DEL TERRIBILE è quello di fare talmente tanti soldi con il podcast che poi potremo ricomprarci il marchio Atari, riavviare la produzione dei Commodore 64 e reimmeterli sul mercato ribrandizzati con il marchio Atari. Tu che dici? Si può fare? Ti spedisco il libro. Ciao-ciao

      • luca ha detto:

        Mah intanto io mi godo sto libro, aspettando di potermi ricomprare in successione ZX81-ZXSPECTRUM-ATARI ST
        e Commwxdhgfv a mannaggia non riesco a scriverlo
        Muchas gracias Luca

  59. Oliver ha detto:

    Ciao Simone, mi piacerebbe molto poter leggere la tua traduzione del libro, sono un vecchio giocatore su Atari 2600, e da qualche mese (dopo aver ritrovato la mia mitica consolle a sei leve) avido collezionista delle cartucce dei giochi che non ero riuscito ad avere da ragazzino, se ricordi nei primi anni 80 i costi dei giochi per Atari 2600 erano un vero salasso per i nostri genitori! 🙂

    Cordiali saluti

    Oliver

    • Simone Guidi ha detto:

      Me lo ricordo sì, Oliver, purtroppo adesso ebay sta rincorrendo quell’epoca riguardo i prezzi. Io non riesco più a comprarci niente. Mi mancano solo 3 cartucce per completare la collezione delle cartucce silver per Atari 8bit e non c’è verso. Tutte le volte che partecipo a un’asta finisce che i prezzi schizzano troppo in alto e io m’incazzo. Ti spedisco il libro prestissimo. Ciao

      • Oliver ha detto:

        Grazie per il libro, hai fatto un lavorone! Me ne sono accorto, specie per alcuni titoli, sto cercando di mettere le mani su Adventure, ma trovarne una copia completa in discrete condizioni che non costi uno sproposito è quasi impossibile 🙁

        Ancora grazie

        Oliver

  60. Sara ha detto:

    Ciao,
    sono appassionata di storia dei videogiochi. Mi farebbe piacere leggere il tuo libro sulla storia di Atari.
    Grazie

  61. Rino ha detto:

    Ciao. Complimenti per il sito e per la pregevole iniziativa di tradurre il libro.
    Quando puoi ti sarei grato se me ne spedissi una copia.
    Grazie.

  62. Alessandro ha detto:

    Ciao, rinnovo i complimenti anche qui per la traduzione del libro e il lavoro fatto.
    Se mi puoi inviare la copia che non vedo l’ora di leggere il libro.
    Grazie mille!

  63. Pietro Cocchi ha detto:

    Complimenti per il lavoro svolto . Ti sarei grato se me ne inviassi una copia . Grazie .

  64. Manuel Serrenti ha detto:

    Non so perchè ma non ho mai incrociato questo sito. Ed ora mi tocca rimettermi in pari.
    Nel frattempo, il libro sarebbe gradito 🙂
    Grazie!

  65. Vincenzo ha detto:

    Con sempre più incanto mi affaccio a questo mondo dei retrocomputers dove sono certo che questa traduzione e la tua passione muovono anche la mia che nasce, peccato che me la sono persa in tutti questi anni! Spero di rifarmi al più presto.
    Un saluto da Enzo.

  66. alessandro dolfi ha detto:

    Ciao grandissimo!!!

    Se non è troppo tardi..mi piacerebbe leggere il libro!!!!

    Grazie

  67. Max ha detto:

    Ho scoperto da poco il blog…. anche a me piacerebbe leggere il libro tradotto.

    Ciao e grazie.

  68. Mizzio ha detto:

    mi unisco ai complimenti e attendo con fiducia… anche se l’Atari non l’ho mai avuto ! è rimasto un sogno per anni, ma poi finalmente… Sinclair ZX Spectrum !!! E lì ho scoperto ciò che avrei fatto nella vita e dura ancora oggi 🙂

  69. Ugo Paliotto ha detto:

    WOW! Me lo invii? Grazie.

  70. Fabrizio Marcelli ha detto:

    Ho scoperto questo sito solo da qualche ora, faresti cosa gradita ad inviare una copia del file anche a me se possibile.
    Grazie in anticipo.

  71. Stefano ha detto:

    Scoperto ora… Complimenti.
    Ero alle medie, e quando tutti (e dico tutti) i miei amici giocavano con un C64, ricevetti in regalo per Natale un Atari XEGS ! Mamma che delusione… poi, piano piano me ne innamorai.
    Posso avere una copia del libro ?
    Grazie

    • Simone Guidi ha detto:

      Pensa che nel Natale del 1983 chiesi ai miei genitori in regalo un Atari 2600, e nel caso non l’avessero trovato, un Commodore 64. Si presentarono a casa con un Atari 800XL. Ancora oggi credo di essere stato l’unico in città ad averlo ma, ti giuro, l’ho amato spassionatamente. Fu come tifare Fiorentina in un mondo di Juventini. Ti spedisco il libro appena possibile.

  72. stefano ha detto:

    lo voglio!!!

  73. Gianluca Musumeci ha detto:

    Eccomi qui, pronto a commentare per ricevere il pdf in questione. Ti ringrazio! 🙂

  74. Roberto ha detto:

    Ciao Simone,
    solo oggi ho trovato il tuo blog, cercando la storia di november rain, la tua versione è spassosa. Navigando tra le prime pagine ho notato questa opportunità e se è ancora valida la coglierei al volo.
    Ne approfitto per farti notare, se ancora non lo avessi visto, che in Blade Runner 2049 (un film che potrebbe darti un sacco di punti di riflessione) c’è una insegna pubblicitaria della Atari con il suo logo storico (anche la Sony è patita dei retrogame o c’è quanche diabolico piano in corso?)

  75. Rita ha detto:

    Ciao Simone,

    sto sviluppando una tesi sulla storia dell’industria videoludica e sto cercando in rete più informazioni possibili. È ancora possibile ricevere via mail il libro in questione? Ovviamente nel caso in cui utilizzassi delle informazioni provenienti da esso, verrà citato nella bibliografia, menzionando anche il tuo lavoro da traduttore.

    Grazie mille, ciao! 🙂

    • Simone Guidi ha detto:

      Non ci sono problemi, Rita. Adesso sono fuori per lavoro, non appena rientrerò mercoledì ti spedirò il tomo. Una cosa, però, lasciatela dire. “Zap!” è un testo abbastanza vecchiotto sulla storia di Atari (questa è una traduzione della prima edizione datata 1984), adesso la nuova pietra angolare su cui documentarsi è ATARI INC. BUSINESS IS FUN, di Vendel & Goldberg. Te lo dico perché se devi scrivere una tesi sarebbe meglio che tu ti basassi sulle fonti più attendibili. Vedi te.

      • Rita ha detto:

        Sto usando altri libri, decisamente più recenti e i vari siti presenti su internet. Utilizzerei il libro da te tradotto per trarre alcune informazioni di cui non ho mai sentito parlare, ad esempio quelle concerni la venture capitalist di Don Valentine di cui ho sentito parlare una sola volta ma mai in maniera così dettagliata 🙂
        Ti ringrazio per le informazioni, prenderò con le pinze ciò che vorrò riportare sulla tesi e darò un occhio all’altro testo da te consigliatomi! 🙂

  76. Z3k ha detto:

    Arrivato dal podcast, rimasto per il blog, ammaliato dai contenuti ed incantato dalla sapienza ed ironia così condensate. Complimenti.
    Ho avuto modo di vedere recentemente “easy to learn, hard to master – the fate of Atari” e, nonostante sia NolanBushnell-centrico, mi ha lasciato una gran voglia di approfondire la storia di Atari. Potrei per favore avere la traduzione del libro?
    Grazie anticipate.

  77. Keerian ha detto:

    Ciao Simone, innanzitutto, complimenti per il lavoro! E’ tardi per richiederti una copia del libro?

  78. Francesco ha detto:

    Ciao Simone, i miei complimenti per il blog. Sempre interessante e mai banale. Già che sono qui ne approfitto anche io per chiederti questa chicca e cioè la versione italiana del libro su Atari. Grazie mille. Francesco

  79. Alex ha detto:

    Interessante lettura

  80. Gianluca ha detto:

    ..ciao, sono ancora in tempo per riceverne una copia? 🙂

    Grazie in anticipo

  81. Omar ha detto:

    Ciao, se disponibile leggerei volentieri.

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *